Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Processo Villa Ninina, si spulciano i conti e Scajola risponderà al pm

La societá Arco ha sostenuto costi ad oltre un milione di euro dopo aver preso in esame le fatture d'acquisto antecedenti ai lavori eseguiti e dalle fatture si capiva che erano riferiti alla villa di Scajola

Più informazioni su

Imperia. Gli accertamenti di natura contabile con le fatture emesse dalla Arco srl e pagate dalla famiglia Scajola sono state al centro dell’udienza per il processo a Claudio Scajola in corso in tribunale a Imperia per la sua villa in via Diano Calderina, 151. “Dal 2004 al 2008 la Arco non ha ricevuto alcuna forma di indennizzo”, ha detto in aula il maresciallo della guardia di finanza De Nicola che ha effettuato le verifiche sulla contabilitá dell’operazione. Effettuate anche delle verifiche relative al cantiere: “Non sono stati trovati contratto d’appalti o subappalti, ma interventi commissionati direttamente dalla famiglia Scajola – ha spiegato il sottufficiale delle fiamme gialle – che riguardavano la piscina, quindi l’impianto fotovoltaico e i muri della villa sulle alture di Imperia. La societá Arco ha sostenuto costi ad oltre un milione di euro dopo aver preso in esame le fatture d’acquisto antecedenti ai lavori eseguiti e dalle fatture si capiva che erano riferiti alla villa di Scajola.

La Arco in quel periodo stava lavorando in almeno venti cantieri del comprensorio”. In aula ha poi testimoniato uno dei periti dell’accusa sostenuta dal pm Alessandro Bogliolo. Sono stati eseguiti lavori per la realizzazione di un impianto sportivo, strade di accesso e spogliatoi.E infine ha parlato il titolare della Vivai Siccardi. “Con Scajola avevo un rapporto da diverso tempo. Per lui fungevo anche da consulente”.

Il processo è stato aggiornato al prossimo 24 marzo quando verrà ascoltato l’ultimo teste dell’accusa sostenuta dal pm Alessandro Bogliolo, quindi è previsto l’esame degli imputati Claudio Scajola e Vento e l’audizione della sfilza di testi della difesa con gli avvocati Moroni e Perroni. Scajola ha già fatto sapere che risponderà a tutte le domande del pm.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.