Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tra Argentina e Vado allo ‘Sclavi’ è 1a1, Ciaramitaro: “La squadra ha dimostrato carattere” foto

Al 45’ Okonkwo si è trovato solo davanti al portiere, ma l’attaccante ha tirato debolmente permettendo al numero 1 ospite di bloccare a terra. A un minuto dal termine, infine, El Kayari ha provato un tiro dalla destra che si è però spento sul fondo

Più informazioni su

Un’Argentina compatta e coriacea ha resistito in 10 per quasi tutta la partita contro un Vado che, sulla carta, era considerata squadra di livello superiore. Nel primo tempo le emozioni sono arrivate subito. Al secondo minuto Chiarabini ha lasciato partire un tiro di sinistro, prima di una lunga serie di occasioni da lui firmate. Al minuto numero 4 l’episodio che ha condizionato l’intera gara. Il numero 9 dell’Argentina Ferrario si è visto sventolare davanti il cartellino rosso per un fallo di reazione. Una decisione molto contestata che ha costretto gli armesi in 10 per tutta la gara. Al 14’ ancora un’azione di Chiarabini. Il numero 7 del Vado ha calciato di sinistro
con la palla che ha terminato la sua corsa di poco a lato. Nonostante l’inferiorità numerica e l’inerzia della partita che tendeva verso i
savonesi, l’Argentina ha trovato la rete del vantaggio al 25’. Su calcio d’angolo battuto da Mangione, Marin ha insaccato di testa. 1-0 Argentina.

Dopo il vantaggio i rossoneri non hanno mollato il colpo. Al 38’ El Kayari dalla destra ha provato a impensierire il portiere avversario con un cross morbido. Un minuto dopo Moroni, solo davanti al portiere, ha tirato debolmente e centrale. Sul finire della prima frazione doppia chance per il Vado. In entrambe le occasioni è stato Chiarabini a rendersi pericoloso prima con un tiro centrale, poi
con un tentativo di testa in area. Il secondo tempo si è subito tinto di rossoblu. Al secondo minuto i savonesi hanno trovato il pari con un inserimento in area del numero 9 Yawo abile a colpire in mezzo alla difesa armese su un cross proveniente da un calcio di punizione dalla destra. Nemmeno il tempo di un giro di orologio e Fiuzzi ha colpito di testa in area. Miracolo di Lucia che nega il nuovo vantaggio all’Argentina. Il portiere vadese si è superato anche al 16’ quando El Kayari ha tirato in porta dopo un’azione in velocità. Nuovo intervento decisivo dell’estremo difensore ospite.Dalla metà del secondo tempo, complice l’inferiorità numerica e le tante assenze, l’Argentina ha rallentato il ritmo lasciando spazio al Vado che, però, non è riuscito a concretizzare. Merito alla retroguardia armese per la strenua resistenza ai tanti attacchi ospiti. In pieno recupero l’Argentina ha avuto due clamorose occasioni per portare a casa i tre punti.

Al 45’ Okonkwo si è trovato solo davanti al portiere, ma l’attaccante ha tirato debolmente permettendo al numero 1 ospite di bloccare a terra.A un minuto dal termine, infine, El Kayari ha provato un tiro dalla destra che si è però spento sul fondo. Al 90’ il ds dell’Argentina Salvatore Ciaramitaro ha dichiarato: «Siamo soddisfatti, la squadra ha dimostrato carattere e capacità resistendo in 10 per tutta la partita e creando anche le occasioni per portare a casa i tre punti. A pieno organico il risultato sarebbe stato diverso».

ARGENTINA
1- Mosetti
2- Raguseo
3- Fici
4- Fiuzzi
5- Marin
6- Negro
7- El Kayari
8- Lazzoni (Okonkwo)
9- Ferrario
10- Moroni
11- Mangione
Allenatore: Eros Litardi
A disposizione: 12 Dondero, 13 Okonkwo, 14 Celotto, 15 Calipa, 16 De Flaviis, 17 Conrieri, 18 Lanteri, 19 Leuzzi, 20 Gagliardi.

VADO
1- Lucia
2- Molinari
3- Puddu (Cafferata)
4- Sancinito
5- Venneri
6- Pecorari
7- Chiarabini
8- Bianciti (Keane)
9- Yawo10- Mair
11- Gagna (Sassari)
Allenatore: Pietro Buttu
A disposizione: 12 Zuccheri, 13 Labate, 14 Fabris, 15 Cafferata, 16 Sbravati, 17 Sassari, 18 Canu, 19 Mura, 20 Kean

Marcatori: 25’ Marin (Ar); 47’ Yawo (Va)

Note
Ammoniti: Argentina: Raguseo, Fici, Fiuzzi; Vado: Puddu, Cafferata
Espulsi: Ferrario
Spettatori 300 circa

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.