Quantcast

Liguria da Scoprire: domani escursione con partenza da Gouta in un dei boschi più belli della nostra regione

Domani "Liguria da Scoprire" organizza un'escursione guidata tra Gouta, Scaffa di Già e Scarassan. A pochi passi dal maresarà possibile immergersiin uno dei più bei boschi della Liguria percorrendo piste ex-militari, a farla...

Più informazioni su

    Domani “Liguria da Scoprire” organizza un’escursione guidata tra Gouta, Scaffa di Già e Scarassan. A pochi passi dal mare sarà possibile immergersi in uno dei più bei boschi della Liguria  percorrendo piste ex-militari, a farla da padroni abeti bianchi, pini silvestri e aceri di monte e lungo il percorso i resti delle opere del Vallo Alpino. Duplice motivo di interesse, quindi,  per questa facile e piacevole escursione ad anello.

    Il percorso:
    Dalla Sella di Gouta si segue per 1,5 km la S.P. 69 (asfaltata nel tratto iniziale) per Camporosso  che si inoltra  in discesa nella bella foresta di Gouta.. Giunti alla conca di Margheria dei Boschi l’asfalto termina, si continua a sinistra sulla ex-militare sterrata che in piano attraversa un rio su di un ponticello, prosegue pio in lieve salita nel bosco e ancora in piano si affaccia sulla valle del torrente Barbaira. Qui la si abbandona per salire a destra su una pista ex-militare selciata, che fa un’ampia curva a sinistra e poi procede verso ovest nella fitta foresta di abeti. Su una larga sella boscosa si segue, in lieve discesa, il ramo che va a sinistra (ovest) superando un rio e costeggiando  in piano la bella radura di Giacasso (1232 m.) che si lascia sulla sinistra. Passata un’altra sella, il viottolo si abbassa un poco, va in piano (ovest) ad attraversare il rio, e poi risale con pendenza un po? più accentuata il valloncello, fino al cippo di confine 378, dove prendendo a destra una traccia ci si porta alla sovrastante strada ex-militare che in questo punta segna il confine con la Francia..

    Si segue la rotabile  fino a raggiungere un?ampia radura  dove si incontra la balise n° 171 (siamo in territorio francese) si continua in direzione della Baisse de Caïné e di Mont Agu  pianeggiando  in direzione nord ovest, tra dossi e radi abeti. Si scende brevemente e poi si  riprende a salire piegando  a destra e seguendo la pista che rientra nel bosco si giunge in breve di fronte all?ingresso dell?Opera 12 Bis e poco oltre  al boscoso colle detto Scaffa de Già (1341). Per il ritorno seguiremo il sentiero che dall?ingresso del bunker si dirige in direzione Est tenendosi a Nord del Monte Cimonasso e che si ricongiunge più avanti con la rotabile in prossimità di  Colle Pegairole. Proseguendo lungo la stessa in direzione Nord-Est raggiungeremo  Colle Scarassan, dove ci si immetteremo sulla strada che collega la sella di Gouta con Passo Muratone  e percorrendola  in direzione Sud raggiungeremo il luogo  di partenza.

     

    Ritrovo: ore 8.30 Ventimiglia davanti Chiesa di Cristo Re (angolo deviazione per Val Nervia)

    oppure  ore 9,30 a Sella di Gouta  (ristorante)

    Difficoltà: E

    Più informazioni su