Quantcast
Politica

Imperia: le repliche dell’Assessore Lanteri in Consiglio Comunale

"Non lasciamoci deviare da problematiche strumentali che sembrano fatte apposte per perdere tempo. L?A.C. vuole iniziare al più presto i lavori. Il discorso dei tempi: il progetto è stato ampiamente discusso in commissione terza, che...

“Non lasciamoci deviare da problematiche strumentali che sembrano fatte apposte per perdere tempo. L?A.C. vuole iniziare al più presto i lavori. Il discorso dei tempi: il progetto è stato ampiamente discusso in commissione terza, che ne ha parlato più che la Giunta. Abbiamo accolto tutti i suggerimenti e le argomentazioni suggerite, non si può affermare oggi che la minoranza non è in grado di esaminare la convenzione perché consegnata tre ore prima del consiglio. Quella consegnata prima del consiglio è solo l?ultima versione aggiornata con l?ultima richiesta fatta proprio dalle opposizioni l?altro ieri relativa alla garanzia per la nautica minore. Il resto è rimasto come prima.  Abbiamo solo apportato una modifica chiesta dalla stessa minoranza.
Chiedete le modifiche, le apportiamo e dite che non avete potuto leggerle? E? un atteggiamento strumentale.
Non siamo assolutamente intenzionati a procrastinare i tempi.
Il progetto portuale turistico è strumento urbanistico attuativo, l?area verde no, quindi il verde non deve necessariamente tornare in consiglio comunale.
Siamo peraltro convinti che l?inserimento del campo pratica golf possa costituire un elemento di ulteriore qualificazione ambientale, di forte attrattiva turistica e sportiva in grado di interagire benissimo con il porto turistico.
La legge dice che il Comune deve indicare quale parte del parco urbano è carico del privato. Noi lo facciamo, quindi la Regione non potrà respingerlo. Non pensiate di poter soffiare a qualche assessore regionale che il piano regolatore portuale di Imperia non viene rispettato dal progetto portuale perché non è vero. La scelta su che cosa fare, se spiaggia o altro, la fa il Comune, non la Regione cui spetta un giudizio di legittimità e non di merito. E poi la Regione ha sempre dato un apporto collaborativo e costruttivo.”


 

commenta