Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
"Viaggiando in Riviera: disegni e racconti di Frontiera", la mostra al casinòetati

Albisola, Eliseo racconta Salino: a tavola con Eliseo Salino, disegni e bozzetti a tema gastronomico

09/09 » 24/09/17

EVENTO GRATUITO
:

Attenzione l'evento è già trascorso

Albisola. A tavola con Eliseo Salino. Disegni e bozzetti a tema gastronomico è il penultimo appuntamento dedicato al poliedrico artista la cui prolifica attività di ceramista, pittore, scultore e illustratore è stata analizzata e approfondita in una serie di interessanti manifestazioni che hanno coinvolto gallerie, fabbriche, spazi espositivi e Circoli culturali coinvolgendo l’intero paese in un sentito omaggio corale al maestro albisolese. L’evento – che si inserisce nella vivace rassegna Eliseo racconta Salino promossa e organizzata dal Comune di Albissola Marina e dal MuDA Museo Diffuso di Albisola con la collaborazione dell’Associazione Culturale Arte DOC – sarà inaugurato sabato 9 settembre 2017 alle ore 18 presso il Centro Artistico e Culturale BLUDIPRUSSIA. La curatela della mostra è affidata a Simona Poggi, Vicepresidente del Museo Manlio Trucco di Albisola Superiore e promotrice culturale, coadiuvata da Greta Canepa, storica dell’arte e referente presso l’Associazione Amici di Casa Jorn.

In questa interessante esposizione sono stati selezionati alcuni degli innumerevoli lavori realizzati da Salino a tema gastronomico per cui si potranno ammirare numerosi disegni caratterizzati da una vivace vena ironica. Una mostra eterogena che comprende ceramiche, bozzetti, materiale didattico e riproduzioni fotografiche che sono stati non solo il risultato di uno studio riguardante il forte interesse di Salino per la cucina ma anche delle opere realizzate e collocate in alcuni ristoranti del territorio ligure. A tale proposito di particolare interesse è la riproduzione fotografica della tavola in legno presente al ristorante Lilliput di Noli e quella del pannello ceramico che si trova all’Osteria da Dria di Acquasanta, Genova, di quest’ultimo sarà inoltre esposto il bozzetto preparatorio. Simona Poggi ha detto: “In questa mostra saranno anche esposte le ricette liguri pubblicate su La Gazzetta del Lunedì e sul Corriere del Pomeriggio con raffigurazioni a tema gastronomico di Salino. Questi lavori spiegano la passione dell’artista per l’arte culinaria infatti l’artista è stato membro dell’Accademia italiana della cucina e membro di giuria di numerose manifestazioni del settore”.

Greta Canepa così si è espressa: “il tema è stato scelto per rappresentare la figura di Salino a trecentosessanta gradi, un artista poliedrico, un disegnatore eccelso, ma anche un amante dell’arte culinaria; tanto che con il suo instancabile umorismo affermò: “Sa che a me dispiace di più se mi si brucia un soffritto che non una terracotta nel forno?”. Eliseo Salino (Albissola Marina, 1919 – 1999) eredita dal padre, che aveva studiato all’Accademia Albertina di Torino, la passione per l’arte. Agli inizi degli anni Trenta lavora presso la fabbrica di Tullio d’Albisola, dove si perfeziona ed ha la possibilità di incontrare molti artisti. In seguito compie un viaggio in motocicletta insieme all’amico Torido Mazzotti e visita le maggiori manifatture ceramiche del Nord Italia. Nel 1936 si iscrive all’Istituto Interuniversitario di Faenza dove vince una borsa di studio, che gli permetterà di frequentare più tardi la prestigiosa Accademia di Brera a Milano. Nel 1939 si trasferisce in Toscana, ma dal 1947 si stabilirà definitivamente nella cittadina ligure. Partecipa a varie mostre ottenendo successo: premiato alla IV Triennale di Milano e al III Concorso di Faenza nel 1941. Nel 1958, insieme a Mario Pastorino e Giovanni Poggi, fonda, diventandone direttore artistico, le Ceramiche San Giorgio. Partecipa al grande progetto di arte pubblica promosso dal Comune di Albissola Marina agli inizi degli anni Sessanta per rivalorizzazione di una zona degradata del paese mediante la realizzazione del Lungomare degli Artisti. Nel 1968 realizza le caratteristiche statuine per il Presepe permanete del Santuario del Bambino di Praga ad Arenzano. Salino muore ad Albisola nell’inverno del 1999 all’età di ottant’anni.

«L’Amministrazione di Albissola Marina, in collaborazione con i Circoli e le Gallerie del Paese, rende omaggio al maestro Eliseo Salino, con una rassegna, che spazia dalla ceramica alle tele, dalle opere pubbliche, agli schizzi preparatori e con alcune piacevoli serate, di inedito approfondimento. Sarà una grande festa, diffusa ed articolata, nei luoghi della cultura di Albissola Marina, che rende omaggio all’uomo e all’artista, con la presunzione e l’ironia di immaginare, che da lassù, sotto ai suoi simpatici baffoni, oggi ne sorrida compiaciuto.»  dichiara il vicesindaco ed Assessore alla Cultura, Nicoletta Negro

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!