Argentina Calcio Regione Liguria Riviera24 Sport ASL Informa I lettori di R24 Panorama Sport

In tribunale a Sanremo

La truffa dei falsi titoli nobiliari e delle raccomandazioni dal Vaticano: gup nega patteggiamento




Sanremo - Enrico Malatesta Della Penna In Sogliano, 59 anni, romano, si era fatto consegnare oltre 46mila euro da uno sprovveduto per la vendita di titoli nobiliari e per sistemare il figlio presso la S.Sede. Per il giudice: 1 anno e 4 mesi è una pena troppo bassa
n cambio di oltre 46mila euro aveva venduto falsi titoli nobiliari a uno sprovveduto conoscente, al quale aveva promesso di sistemare il figlio millantando amicizie in Vaticano. Stamani, all'atto dell'udienza preliminare, in tribunale a Sanremo, il gup Eduardo Bracco ha negato il patteggiamento a 1 anno e 4 mesi, perché troppo esiguo, nei confronti di: Enrico Malatesta Della Penna In Sogliano, 59 anni, romano, che tra il 2008 e il 2009, a Bordighera e Sanremo, ha messo a segno la clamorosa truffa. Parte offesa è un padre di famiglia: Gaddo Augusto Genova, che nel rincorrere un sogno, si è visto togliere dalle tasche: 46.198,86 euro (mediante assegni, accreditamento bancario o su post-pay); mentre altri 35mila euro, fortunatamente, sono stati bloccati prima dell'incasso.

Per quanto riguarda i titoli nobiliari, Malatesta aveva presentato al suo acquirente una serie di false sentenze, emesse il 15 e il 18 settembre del 2009 dal Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, con cui si attribuivano a Gaddo i titoli di: “Conte di Pettinengo”, “Signore di Venezia”, “Nobile di Belluno” e “Signore di Biella e Torino”. Ma non e' tutto. Con altre due missive del 15 e 27 settembre del 2009, apparentemente provenienti dalla Congregazione per le cause dei Santi – con parere favorevole della nomina “Pro Corpus Advocatorum Sanctae Sedios – aveva mostrato la nomina del figlio Vittorio Emanuele a procuratore dei Palazzi Apostolici per la S.S. Congregazione.

La decisione del gup di non concedere il patteggiamento chiesto dalla difesa, consiste nel fatto che l'imputato non aveva ancora risarcito la parte lesa per il danno subito. In attesa che l'imputato ottemperi a quanto richiesto, il gup ha rinviato il procedimento ad altra udienza.


di Fabrizio Tenerelli

14/07/2011

Segnala l'articolo Stampa l'articolo

Altre notizie

ELEZIONI

Regionali, oggi la decisione su possibile accordo Lega-Forza Italia

Genova - Se si andrà avanti con l’accordo Lega- Forza Italia e se quest’ultima proporrà Giovanni Toti come candidato, la campagna elettorale fatta sino ad ora da Rixi potrebbe rivelarsi inutile

Domenica 12 aprile

"Mai dire Bubble" - A Ventimiglia arriva l'evento più pazzo e divertente dell'anno

Sanremo - L'evento, organizzato dall'associazione Ventimiglia Viva in collaborazione con l'Aps Cappello della Strega di Soldano, vuole essere un modo diverso e originale per passare una domenica primaverile, con la duplice finalità

A Recco

Karate Sanremo: esami per il conseguimento della cintura nera I dan e per i passaggi di dan

Sanremo - L’esame è stato brillantemente passato da: DANIELE XHANI, CHRISTOPHERPANNESE e da ALESSIO GIACOBBE.

Scuola

Edilizia scolastica l’occasione dei finanziamenti pubblici tramite bandi

Sanremo - Complessivamente, le scuole interessate ai progetti, oltre alla già ricordata Dani Scaini, sono la Maria Goretti (infanzia), l’asilo nido Arcobaleno, il plesso Asquasciati (infanzia e primaria) e quello di via Volta (primaria).

Foto

Donna muore per un attacco di cuore a Pian di Poma, mentre era in bicicletta

Sanremo - Il marito ha avvisato i soccorsi ma al momento del tempestivo arrivo dell'automedica del 118 e dell'ambulanza di Sanremo Soccorso purtroppo non c'era più nulla da fare

==YES==NO



al