Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Premier Conte, 4,3 miliardi ai Comuni. Diretta straordinaria da Palazzo Chigi

Serviranno alle amministrazioni locali per comprare buoni spesa o beni di prima necessità per le persone segnalate dai servizi sociali

Soldi ai Comuni da destinare a chi ha più bisogno. Ad annunciarlo, in una diretta straordinaria da Palazzo Chigi, è stato il premier Giuseppe Conte. Per l’esattezza si tratta di 4,3 miliardi di euro che serviranno alle amministrazioni locali più 400 milioni per comprare buoni spesa o beni di prima necessità per le persone segnalate dai servizi sociali.

I fondi sono stati ricavati per 4 miliardi dal fondo di solidarietà dei Comuni (un’anticipazione di cassa rispetto a quanto sarebbe dovuto essere elargito a maggio), mentre 400 milioni arrivano dalla protezione civile e serviranno per l’acquisto dei buoni mensa.

Spiega il sindaco di Bari Decaro, presidente dell’associazione nazionale comuni italiani (Anci): “Abbiamo messo a disposizione come Comuni quello che potevamo, attivano la rete del volontariato. Queste risorse serviranno per dare una risposta immediata dai servizi sociali a tutte le persone che ne abbiano bisogno, per poter acquistare generi alimentari e prodotti di prima necessità”.

Quello appena deciso dal governo sarà un provvedimento a “burocrazia zero”: non richiederà tempi lunghi per la sua applicazione concreta. Domani sarà già operativo. “L’Europa deve dimostrarsi adeguata o meno a questa emergenza, ha concluso Conte. L’Italia si sta dimostrando consapevole dello sforzo che la storia ci chiama a operare. Non passerò alla storia per quello che non si è battuto fino all’ultima goccia di sudore per ottenere una risposta europea forte e vigorosa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.