Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Criminalità organizzata in Liguria, la Dia conferma presenza cosche nell’Imperiese

Riconosciuta l'autonomia operativa del "sottogruppo di Bordighera"

Imperia. “La provincia di Imperia risente delle proiezioni delle cosche reggine Santaiti – Gioffrè, Gallico, Piromalli, Mazzaferro, Alvaro e Pelle che fanno capo al locale di Ventimiglia”. E’ quanto scritto nero su bianco nella relazione semestrale del Ministro dell’Interno al Parlamento sulla attività svolta e i risultati conseguiti dalla Direzione Investigativa Antimafia nei primi sei mesi del 2019.

Oltre al “locale di Ventimiglia“, la cui presenza è stata confermata dal processo-bis presso la Corte di Appello di Genova relativo all’indagine dei carabinieri “La Svolta”, volta a scandagliare la presenza della ‘ndrangheta nell’estremo ponente ligure, nella relazione viene sottolineata la presenza del cosiddetto “sottogruppo di Bordighera“, “riconducibile – si legge nel documento – alla famiglia Barilaro – Pellegrino, proiezione della cosca “Santaiti – Gioffrè di Seminara (RC), i cui elementi di vertice sono stati colpiti da pesanti condanne nell’ambito delle inchieste “La Svolta” e “Maglio 3″, entrambe pendenti presso la Corte di Cassazione”.

Nella relazione viene inoltre sottolineata “l’autonomia operativa riconosciuta alla cellula criminale bordigotta – in assoluta antitesi rispetto al mimetismo adottato dalla struttura principale facente capo ai Marcianò”. In pratica, il sottogruppo di Bordighera, agirebbe con un modus operandi “platealmente mafioso” a differenza delle ‘ndrine limitrofe. Inoltre, “pur avendo manifestato una spiccata vocazione imprenditoriale sia nell’estremo Ponente che nella vicina Costa Azzurra , negli anni (il sottogruppo di Bordighera, ndr) si è reso responsabile di plurime condotte criminali”.

Droga e criminalità. L’estremo ponente ligure è citato anche negli atti dell’operazione “Selfie”, coordinata dalla DDA di Reggio Calabria e condotta dai carabinieri. L’indagine ha portato alla luce il coinvolgimento della famiglia De Marte: è stata infatti documentata “la sistematica attività di spaccio di cocaina e marijuana posta in essere dai De Marte nell’estremo ponente ligure, stupefacente acquistato con la garanzia prestata ai fornitori direttamente dai Gioffrè di Seminara”.

A dedicarsi allo spaccio di sostanze stupefacenti, sono anche gruppi di extracomunitari di origine africana, come i sei stranieri (tunisini e marocchini) arrestati il 27 marzo 2019 dai carabinieri di Ventimiglia in quanto facenti parte di un’associazione criminale dedita alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine reggina “Cosa mia” ha evidenziato la presenza di proiezioni della famiglia Gallico di Palmi nel comprensorio di Sanremo.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.