Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, estorsione, incendio e detenzione di armi da guerra: per Ingrasciotta chiesta condanna a 10 anni

Dall'estorsione ai danni di una anziana residente a Ospedaletti a quella al dentista Roberto Bistolfi

Imperia. Il pubblico ministero Luca Scorza Azzarà ha chiesto stamane al Tribunale collegiale di Imperia una condanna a 10 anni di reclusione 2500 euro di multa per Giovanni Ingrasciotta, finito a processo con l’accusa di estorsione aggravata, fabbricazione, detenzione e porto d’armi da guerra (molotov) ed incendio.

Nel corso della sua requisitoria, il pm ha ricostruito l’intera vicenda, avvenuta nel 2016, quando secondo la tesi accusatoria, Ingrasciotta in concorso con l’avvocato Riccardo Volanti e con Tiziano Bencivenni (braccio destro di Ingrasciotta. I due hanno patteggiato rispettivamente 5 e 4 anni di carcere, ndr) avrebbe tentato un’estorsione ai danni di un’anziana donna, all’epoca dei fatti residente in via Termini a Ospedaletti, al fine di farla allontanare dall’alloggio al primo piano di una villa di proprietà dell’Arte, oggetto di una compravendita che, se fosse andata a buon fine, avrebbe fatto guadagnare diverse decine di migliaia di euro all’avvocato.

Prima lo sversamento di amianto, allo scopo di ‘inquinare’ il terreno adiacente all’immobile con la speranza che l’Asl lo dichiarasse inagibile. Poi tre incendi, avvenuti rispettivamente il 31 marzo, il 26 aprile e il 1 maggio, che avrebbero dovuto spaventare l’inquilina e danneggiare l’abitazione. Nel corso dell’esame dell’imputato, avvenuto sempre stamani, Ingrasciotta ha dichiarato di non aver più volte ribadito a Bencivenni e Volanti la sua contrarietà all’attentato incendiario (l’ultimo dei quali avvenuto con il lancio di una molotov) perché «temevo per la signora che poteva rimanere ferita». Nonostante questo, ha aggiunto: «Mi sento moralmente responsabile». 
A differenza di quanto dichiarato negli interrogatori precedenti, l’imputato ha negato di aver chiesto all’avvocato Volanti la somma di 5mila euro per aiutarlo nell’impresa.

Ad un certo punto, però, non avendo ottenuto il risultato sperato, Riccardo Volanti non paga nulla e si rende irreperibile. Ingrasciotta ha raccontato di aver tentato più volte di contattarlo telefonicamente e di essersi recato anche ad Albenga nel suo studio, senza trovarlo. In quel momento, decide di rivolgersi ai dentisti Bistolfi, con studio a Ventimiglia, sapendo che conoscevano l’avvocato. Secondo la pubblica accusa, l’imputato avrebbe estorto 4mila euro ai professionisti, mentre Ingrasciotta (difeso dall’avvocato Giulio Bettazzi) in aula si è difeso: «Volevo solo chiedere a Roberto Bistolfi di aiutarmi a trovare Volanti. Poi ho alzato i toni, ho usato espressioni forti dicendo che sarei andato ad Albenga a fare casino nello studio di Volanti, che gli avrei tirato un pugno in faccia, ma solo perché ero incavolato che mi doveva 10mila euro e non si faceva trovare». Alla fine, secondo Ingrasciotta, Bistolfi si sarebbe offerto di dargli del denaro per evitare problemi all’amico: «Ma di sua volontà, perché io non gliel’ho chiesto».

Il tribunale collegiale chiamato ad esprimersi sulla vicenda è formato dal presidente Donatella Aschero con a latere i giudici Francesca Minieri e Antonio Romano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.