Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dolceacqua, armi e richiami al nazismo nel bunker del ‘ndranghetista indagato per associazione con finalità di terrorismo foto

Lunghe indagini su Pasquale Nucera, alias Yavres Leon

Più informazioni su

Dolceacqua. Da oltre sei mesi gli agenti della Digos di Imperia conducevano indagini su Pasquale Nucera, alias Yavres Leon. L’ex legionario residente a Dolceacqua è una delle 19 persone in Italia su cui si è concentrata l’attenzione degli agenti. Ieri la polizia ha effettuato un blitz nelle proprietà dell’uomo, che è stato indagato per associazione con finalità di terrorismo eversivo, istigazione a delinquere e detenzione abusiva di armi.

Molteplici le attività di intercettazione e appostamenti che hanno consentito di monitorare Nucera e i suoi spostamenti. Un’attività che non solo ha confermato gli iniziali sospetti, ma ha portato anche all’individuazione di ulteriori soggetti, pregiudicati, coinvolti a vario titolo, anche in altre città, nella vicenda in argomento.
Il bagaglio informativo e conoscitivo acquisito dalla Digos di Imperia ha dunque permesso di coordinare, sul posto, tutti gli operatori intervenuti durante le perquisizioni. Infatti ieri, nel territorio di Dolceacqua, residenza dell’uomo, in due rimesse e terreni circostanti gli agenti della Polizia di Stato hanno trovato e sequestrato innumerevoli armi (tra cui anche 33 coltelli di diverse marca, tipologia e misura e 3 machete), documenti e oggetti come foto, magliette e bandiere con simbologia del movimento politico Forza Nuova. Fondamentale l’apporto, durante le perquisizioni, degli artificieri, della Polizia Scientifica e delle Unità Cinofile della Polizia di Stato.

Altrettanto cruciale l’attività dagli agenti della Sezione di Polizia Postale di Imperia che hanno proceduto alle verifiche informatiche dei device in uso all’indagato, tra cui telefoni cellulari, computer, casella di posta elettronica, profili social, supporti cd/dvd, fotocamere digitali, schede sim e schede sd.

Nel corso delle operazioni si è proceduto anche alla perquisizione di una dimora di proprietà dell’indagato attualmente attualmente occupata da un ventimigliese di 48 anni, suo ospite. Qui è stata rinvenuta e posta sotto sequestro una non trascurabile quantità di sostanza stupefacente: oltre a un bilancino elettronico di precisione, infatti, nell’abitazione c’era 1 kg di marijuana, semi di marijuana per un peso complessivo di oltre 90 grammi e circa 10 grammi di hashish.
L’uomo, gravato da precedenti per droga, guida in stato di ebbrezza, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, è stato arrestato per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

L’attività origina da un’inchiesta avviata da parte della Procura Distrettuale di Caltanissetta d’intesa con la Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo. Ieri mattina gli uffici Digos di Imperia, Enna, Siracusa, Milano, Monza Brianza, Bergamo, Cremona, Genova, Imperia, Livorno, Messina, Torino, Cuneo, Padova, Verona, Vicenza e Nuoro hanno dato contemporanea esecuzione a venti decreti di perquisizione domiciliare nei confronti di diciannove estremisti di destra indagati per i reati di costituzione e partecipazione ad associazione eversiva ed istigazione a delinquere.

L’intera operazione, diretta dalla Procura Distrettuale di Caltanissetta, si è svolta sotto il coordinamento della Direzione Centrale Polizia di Prevenzione – Servizio per il Contrasto dell’Estremismo e del Terrorismo Interno – e con la collaborazione del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.