Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dragon 90th Anniversary Regatta powered by Paul&Shark: Sanremo al meglio, due prove per iniziare foto

La regata che celebra i novant’anni della barca che ha fatto la storia della vela mondiale, organizzata dallo Yacht Club Sanremo

Sanremo. Condizioni ottime per la giornata di debutto della Dragon 90th Anniversary Regatta powered by Paul&Shark, la regata che celebra i novant’anni della barca che ha fatto la storia della vela mondiale, organizzata dallo Yacht Club Sanremo.

riviera24 - Dragon 90th Anniversary Regatta powered by Paul&Shark

La festa del Dragone lunedì aveva dovuto subire una battuta d’arresto a causa di vento e mare non ideali, soprattutto per una flotta tanto grande e composita, con oltre 150 barche. Ieri però le acque di Sanremo hanno garantito un vento di ponente di intensità sufficiente, mare piatto, il tutto condito da un bel sole di inizio autunno.

Dopo un’attesa di poco più di due ore, per dare modo al vento di stabilizzarsi di intensità e direzione, intorno alle 14 la competizione ha finalmente preso il via, con gli equipaggi suddivisi in due gruppi su due campi di regata differenti.

Due le prove disputate, valide come qualificazioni alla fase finale, che hanno cominciato a dare forma alla classifica. Al termine della prima giornata, nel gruppo A, composto da 76 barche, i primi tre posti sono occupati rispettivamente dai britannici di GBR 764 Naiad dello skipper Mike Hayles, da UAE 58 Desert Storm del timoniere Jeroen Leenen e dai russi di RUS 2 Alisa con Alexander Ezhkov alla barra. Primo italiano di questo gruppo è il più volte campione nazionale, il veneziano Giuseppe Duca su Ita76 Yanez, al 12° posto dopo due prove.

Nel gruppo B, con 69 barche, la testa della classifica provvisoria è occupata dall’irlandese Goggin Murphy su IRL107 Serafina, seguito a soli due punti dal danese Jens Christensen su DEN 410 Out Of Buonce e dall’olandese Pieter Heerema che guida NED 412 Troika. In questo raggruppamento è Fabio Mangione su ITA 49 Javelin il primo degli skipper italiani.

Nel tardo pomeriggio si è svolto il secondo appuntamento “social” per i partecipanti della Dragon 90th Anniversary Regatta powered by Paul&Shark: un party dopo-regata per gli equipaggi offerto da Glenfiddich.

Oggi, tutti gli equipaggi si ritroveranno per la 90th Anniversary Grand Celebration Race, corsa su un unico percorso che certamente costituirà uno spettacolo unico nel mare di Sanremo, con barche vecchie e nuove da tutti i continenti unite in un solo gruppo. Al termine, si disputeranno delle prove dedicate ai Champion of the Champion, ossia a coloro che si sono aggiudicati una medaglia ai Giochi Olimpici, mondiali, europei e alla Dragon Gold Cup. A seguire si scontreranno le Ladies, le barche classiche (varate prima del 1972), e i crew, junior e master.

Le signore del Dragone
Sono molte le veliste che animano la classe, e anche a Sanremo la pattuglia delle signore Dragone è piuttosto nutrita. Molte sono legate da anni alla barca e hanno storie interessanti da raccontare. Come quella che è emersa oggi durante un’intervista a tre timoniere, che hanno in comune molto più di quanto pensassero: la britannica Gavia Wilkinson-Cox, la tedesca Nicola Friesen e la russa Anna Basalkina.

«Abbiamo scoperto per caso una cosa che ci lega e che risale a diversi anni fa, al 1972, ossia l’anno in cui il Dragone partecipò per l’ultima volta ai Giochi Olimpici di Kiel – ha spiegato Gavia Wilkinson-Cox – Io personalmente ho preso parte ai trial inglesi che si svolgevano a Torquay, il mio paese natale e poi sono stata invitata a partecipare alla regata olimpica con il team britannico».

Nicola Friesen ha continuato il racconto dicendo: «Ero troppo giovane per regatare, ma ho accompagnato mio padre sul comitato di regata sul campo dei Dragoni a Kiel – Per la russa invece il legame è nato più tardi – Sono nata nel 1974 quindi non avevo idea, ma adesso navigo sulla barca che ha vinto la medaglia d’oro a Kiel nel 1972». Anna ha poi rappresentato la Russia ai giochi del 2000 a Sydney nella classe Yngling, chiudendo il cerchio di questa bella storia di Olimpiadi e signore del Dragone.

La manifestazione gode del supporto, oltre che degli enti e partner istituzionali dello Yacht Club Sanremo, anche dello sponsor principale Paul&Shark e di Brugge Zot, Glenfiddich, Yanmar, OneSquare, Amer Yachts.

Per il programma completo, l’elenco degli iscritti e le classifiche complete si può visitare il sito internet dedicato.

Il Dragone è un’imbarcazione monotipo a chiglia, lunga 8,90 metri, larga 1,95 metri, armata a sloop Marconi, è nata nel 1929 dalla matita del prolifico yacht designer norvegese Johan Anker (1871-1940). All’epoca Anker concepì una barca di dimensioni ridotte e dai costi contenuti che, grazie alla piccola cabina e a due rudimentali posti letto poteva anche compiere brevi crociere nei fiordi. Tra il 1948 e il 1972 il Dragone divenne classe olimpica. Proprio da quando fu esclusa dai Giochi, grazie al lavoro dell’IDA – International Dragon Association www.intdragon.net – la classe ha aumentato la sua diffusione. In Italia è attiva una classe nazionale www.assodragone.it. Oggi il Dragone è rappresentato in 31 nazioni e in 5 continenti, con ben 6.500 esemplari.

Paul&Shark, marchio di lifestyle Made in Italy prodotto e distribuito da Dama S.p.A è stato fondato nel 1976 da imprenditori nel campo della moda fin dal 1921. Il marchio, noto in tutto il mondo per il suo logo a forma di squalo, propone collezioni total look per Uomo, Donna e Bambino, oltre a diverse capsule collection ispirate al mondo della nautica e dell’avventura. Con l’utilizzo di materie prime sostenibili e l’impiego di nuove tecnologie che aumentano l’efficienza nei consumi di acqua ed energia, Paul&Shark onora il suo impegno nel ridurre il proprio impatto ambientale. Presente in 73 paesi con oltre 209 punti vendita monomarca, Paul&Shark è presente nelle località più esclusive dello shopping mondiale, tra cui Via Montenapoleone a Milano, Rue du Faubourg St. Honoré a Parigi, Regent street a Londra, Madison Avenue a New York e Nanjing Road a Shanghai.

Lo Yacht Club Sanremo

La tradizione delle regate veliche a Sanremo risale ai primi del ‘900, sebbene la costituzione della Compagnia della Vela avvenne solo nel 1920, Sin dagli albori la Compagnia della Vela ospitò manifestazioni importanti e di alto profilo, poi nel 1930 confluì nella Lega Navale Italiana. Nel 1947 la Compagnia della Vela fu ricostituita e quasi dieci anni dopo, nel 1956, divenne Yacht Club Sanremo, pur mantenendo anche la precedente denominazione. Nel 1953 la Compagnia della Vela ha contribuito alla nascita della regata della Giraglia, diventata una classica della vela d’altura in Mediterraneo.

Con il passare degli anni l’attività si è progressivamente spostata dalle derive alle regate d’altura per cui, dal 1981, è stato avviato il Campionato Invernale West Liguria per le classi d’altura, Oltre a queste manifestazioni classiche lo Yacht Club ha sempre organizzato Campionati Mondiali, Europei e Italiani che hanno fatto la storia della vela nazionale. La sede dello Yacht Club, completa di banchine per l’ormeggio dei soci, una zona tecnica e aree ricreative, si trova sul Molo Nord di Porto Vecchio a due passi dal centro storico cittadino, dove trovano posto anche gli uffici e il ristorante.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.