Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coldiretti Liguria: «A subire gli effetti dei prezzi dei carburanti è anche l’intero sistema agroalimentare»

Famiglie e imprese: ecco chi pagherà il conto dei rincari del petrolio

Genova. Con lo schizzare alle stelle delle quotazioni del petrolio e il conseguente rincaro dei carburanti si teme un effetto valanga sulla spesa, con un aumento dei costi di trasporto, oltre che di quelli di produzione, trasformazione e conservazione, in un paese come l’Italia dove l’85% dei trasporti commerciali avviene su strada. A rimetterci sono le rotte commerciali che negli ultimi anni hanno favorito l’export agroalimentare italiano, compreso quello ligure dove il valore ha raggiunto i 180milioni di euro nel I semestre 2019.

E’ quanto afferma Coldiretti Liguria, su base dati Istat relativi al primo semestre 2019 per i settori agricoltura silvicoltura e pesca, nel commentare le possibili conseguenze al rincaro record delle quotazioni del petrolio dopo l’attacco alle raffinerie saudite di Saudi Aramco. L’aumento è destinato a contagiare l’intera economia perché se salgono i prezzi del carburante si riduce il potere di acquisto degli italiani che hanno meno risorse da destinare ai consumi mentre aumentano i costi per le imprese.

«A subire gli effetti dei prezzi dei carburanti – affermano il presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il delegato confederale Bruno Rivarossa – è anche l’intero sistema agroalimentare dove, ad esempio, i costi della logistica arrivano ad incidere dal 30 al 35% sul totale dei costi per frutta e verdura.

Questo fatto potrebbe portare ad una brusca frenata di uno dei pochi settori economici che continua costantemente a crescere anche grazie alla fama acquisita dai prodotti italiani all’estero che si sono fatti largo nel panorama mondiale per qualità e distintività di produzioni. Inoltre gli shock energetici aggravano un deficit logistico che è necessario recuperare investendo sulle energie alternative e sbloccando le infrastrutture che migliorerebbero i collegamenti tra Sud e Nord del Paese, ma anche con il resto del mondo per via marittima e ferroviaria in alta velocità con una rete di snodi composta da aeroporti, treni e cargo.

A livello locale per ottimizzare la spesa, ottenere il miglior rapporto prezzi-qualità e aiutare il proprio territorio e l’occupazione, il nostro consiglio è quello di verificare l’origine nazionale, acquistare prodotti locali che non devono subire grandi spostamenti, e dove possibile comprare direttamente dagli agricoltori nei mercati Campagna Amica Liguria o presso le aziende».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.