Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bordighera, il consigliere di minoranza Lorenzi: «Non trovo il mare a prova di disabilità promesso dagli amministratori»

«Da giorni cerco sulle spiagge pubbliche una pedana, una corsia facilitata che connetta l’accesso alla spiaggia con la battigia. Non l’ho trovata»

Bordighera. Le dichiarazioni di Mara Lorenzi di Civicamente Bordighera in merito alla situazione spiaggia per disabili della Città delle Palme:

«Nei suoi 14 mesi di amministrazione, la giunta Ingenito non ha lesinato alla città annunci e proclami che promettevano iniziative di ogni tipo, e in particolare di sensibilità ambientale e sociale, tutte a colori. Lungo l’inverno si e’ parlato di Bordighera che diventava “Green” per le sue politiche ambientali.

E’ stato anche annunciato che Bordighera aspirava alla Bandiera Lilla per l’attenzione che avrebbe dedicato a persone disabili. C’era l’impegno a “Un Mare per Tutti”, che doveva attrezzare almeno una spiaggia pubblica per facilitare la fruizione del mare alle persone disabili – da pavimentazione speciale, a sedia speciale per essere portati in acqua, a bagno attrezzato. Avevamo complimentato pubblicamente gli intenti, con la speranza che interventi di base abbattessero le barriere su più di una spiaggia, per permettere fruizione che non discrimina.

Da giorni cerco sulle spiagge pubbliche semplicemente una pedana, una corsia facilitata che connetta l’accesso alla spiaggia con la battigia, e che permetta ad una persona che deve usare un deambulatore di arrivare alla battigia in sicurezza. Non l’ho trovata. Ho chiesto agli uffici. Pare che qualcosa ci fosse negli anni passati, ma non quest’anno. Abbiamo già segnalato che le spiagge pubbliche non hanno ad oggi contenitori accessibili per la raccolta differenziata dei rifiuti e dei mozziconi di sigaretta. Non hanno bagni.

Le giustificazioni degli amministratori sono sempre i ritardi degli uffici o delle ditte. Ma il problema e’ invece la mancanza di prioritizzazione e di monitoraggio. Oppure è l’incapacità di resistere la tentazione dell’annuncismo illusorio, tanto comune in politica.

Durante l’estate, le spiagge sono il tesoretto che una città turistica vuole mostrare per attrarre e fidelizzare visitatori, sono le palestre dove una città civile pubblicizza le sue scelte di socialità e di inclusione. Quest’anno Bordighera sta mancando completamente tutte queste opportunità. Lo facciamo notare perché si possa far meglio in futuro. Come qualcuno ha detto per la Sanità, anche per l’Ambiente e l’Inclusione Sociale non vale quel che si annuncia, ma vale quel che si fa».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.