Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Taggia, i complimenti del consigliere Ceresola ai giovani ricercatori Nuvolone e Pera

Il consigliere Ceresola, dopo essere venuto a conoscenza dell'avvenuta premiazione dei due giovani medici ricercatori nati nel Comune di Taggia, sarebbe particolarmente lieto di riceverli e potersi personalmente complimentare con loro

Taggia. Il Comune di Taggia ha l’onore di aver dato i natali non solo a sportivi di livello mondiale, ma anche a giovani ricercatori dall’intelletto particolarmente vivace che danno prova di contribuire all’ottenimento di importanti risultati per migliorare la salute e la qualità della vita delle persone.

«Nel nostro comune – dichiara il consigliere comunale delegato alla Sanità Giancarlo Ceresolasono nati e cresciuti anche medici che grazie alle loro ricerche sono apprezzati in Europa ed oltre. Stiamo parlando della dottoressa Pera Maria Carmela e del dottor Nuvolone Mario, entrambi di età inferiore ai 40 anni, che recentemente sono stati premiati il 4 di giugno all’auditorium dell’Accademia dei Lincei di Roma per i lavori di ricerca scientifica presentati in occasione di un bando indetto dal Ministero della Salute denominato “ricerca finalizzata”»

Il consigliere Ceresola, dopo essere venuto a conoscenza dell’avvenuta premiazione dei due giovani medici ricercatori nati nel Comune di Taggia, sarebbe particolarmente lieto di riceverli e potersi personalmente complimentare con loro insieme all’amministrazione tutta per gli importanti traguardi che hanno saputo raggiungere nella ricerca medica.

«La dottoressa Maria Carmela, – prosegue il consigliere Ceresola - nata e cresciuta ad Arma e che io personalmente conosco sin da bambina, potendone apprezzare le qualità intellettuali ed umane da lei sempre dimostrate, lavora oggi a Roma all’Ospedale Gemelli ed ha vinto il bando di concorso con una ricerca dal titolo “SMN circular RNAs as potential biomarkers for the therapeutic response to Nusinersen in Spinal Muscolar Atrophy patients“.

Si tratta di uno studio con nuovi marcatori, estratti dal DNA di pazienti affetti da atrofia muscolare spinale che, nell’ipotesi della dottoressa, potrebbero far meglio comprendere sia l’andamento clinico di questa rara patologia che la risposta alle terapie dei piccoli pazienti affetti dalla malattia.

Ciò significa che il ministero della Salute, per i prossimi tre anni, finanzierà il suo progetto di ricerca, vista l’importanza e la valenza, con 393.000,00 euro».

Il dottor Mario Nuvolone, nato a Taggia svolge attualmente la sua professione presso l’Ospedale San Matteo di Pavia, ha vinto il bando del concorso con una ricerca dal titolo “Towards effective, patient-tailored anti-plasma cell therapies in Al amyloidosis: predicting drug response and overcoming drug resistance”.

Lo studio si focalizza sull’amiloidosi Al, un raro tumore del sangue in cui plasmacellule tumorali producono una proteina anomala che si deposita in vari organi, come cuore, rene e fegato danneggiandoli. L’obiettivo dello studio è quello di individuare biomarcatori capaci di predire la risposta individuale alle principali classi di farmaci disponibili.

Lo studio ha una durata di tre anni ed ha un finanziamento di 400.000,00 euro. Sicuramente l’amministrazione comunale di Taggia ha potuto godere del privilegio durante il proprio mandato di assistere al raggiungimento da parte di due suoi giovani medici di un riconoscimento scientifico di così alta caratura che da lustro a tutto il
nostro Comune.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.