Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mandria attaccata dal lupo, Coldiretti Imperia: «Gli allevatori sono arrivati al limite della sopportazione» foto

«Bisogna trovare delle soluzioni immediate per evitare che molte zone dell’entroterra vengano abbandonate»

Imperia. Monte Frontè: l’alpeggio dell’allevatore Agostino Raviolo è stato preso di mira da un branco di lupi, che negli ultimi giorni, sistematicamente, ha attaccato sia vitelli sia bovini adulti: gravi difficoltà anche per portare a valle gli animali, a causa dell’interruzione della strada, mai riparata.

È quanto riporta Coldiretti Imperia per denunciare la situazione che sta vivendo l’allevatore che ogni anno si reca con la sua mandria di più di 200 capi di razza piemontese sulla cima del monte, ma che, ad oggi, non riesce a contenere i ripetuti attacchi del lupo, riportando gravissime perdite. Solo negli ultimi giorni l’azienda ha perso circa 10 vitelli e purtroppo gli attacchi continuano: di alcuni animali non sono neanche stati ritrovati i resti quindi non potrà essere neppure percepito l’indennizzo. Quest’azienda, come altre della zona, versa in una grave e oggettiva difficoltà in quanto ad aggravare la situazione, si aggiungono spesso casi di cattiva burocrazia, con ad esempio intoppi e ritardi di finanziamenti sul PSR Ambientale.

Dal 2015, sono aumentati nell’intero arco regionale, gli attacchi di questo animale arrivato da oltre Appennino e, per troppo tempo, scambiato per cane selvatico. Gli attacchi del lupo (documentati da perizie veterinarie), colpiscono principalmente gli esemplari ovini e caprini delle aziende agricole, ma non di rado, come in questo caso, approfittano della mandria al pascolo colpendo specialmente i vitelli, causando gravi perdite sia economiche che in termini di produzione futura.

«Gli allevatori come Agostino – affermano il presidente di Coldiretti Imperia Gianluca Boeri e il direttore provinciale Domenico Pautasso – sono arrivati al limite della sopportazione, tra intoppi burocratici, che rendono ancora più dura l’attività, e attacchi della fauna selvatica, cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni, che riduce vertiginosamente il numero di capi presenti in azienda: non si può far finta che il problema non ci sia e bisogna trovare delle soluzioni immediate per evitare che molte zone dell’entroterra vengano abbandonate con tutte le gravi conseguenze economiche, paesaggistiche e ambientali che ne deriverebbero.

È indispensabile prima di ogni cosa che venga ripristinata la viabilità della zona, con la riparazione della tratta di strada di Mendatica-Triora. Come Coldiretti Imperia chiediamo, sia per il caso specifico del nostro allevatore sia per tutti gli altri, all’amministrazione Provinciale e a tutti gli organi governativi preposti, di portare avanti un impegno vero e non solo verbale che aiuti seriamente le imprese del territorio, le quali non riescono più a lavorare serenamente».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.