Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dolceacqua, tra le opere di Claude Monet anche “Traditur” di Flavia Bigi

Un confronto tra arte contemporanea e tradizione pittorica antica sul tema del “tradimento” per scoprire il lato oscuro della memoria e della storia

Dolceacqua. Dalle Alpi agli Appennini liguri si sviluppa - dal 20 luglio al 15 agosto e dal 20 agosto al 26 settembre - un confronto tra arte contemporanea e tradizione pittorica antica sul tema del “tradimento” per scoprire il lato oscuro della memoria e della storia: quello dei tradimenti e dei travisamenti. Stellanello, Camporosso, Isolabona, Dolceacqua, Finale Ligure, Montebruno, San Sebastiano Curone, Garbagna e Ottone sono i borghi che hanno aderito al programma dell’Associazione Genius Loci Floridi Doria Pamphilj per la valorizzazione e la promozione del territorio e del patrimonio storico e culturale dei luoghi legati alle famiglie Floridi Doria Pamphilj attraverso l’arte e la musica.

Il tema scelto per la prima esposizione itinerante che lega i nove luoghi è, appunto, il tradimento. Flavia Bigi – l’artista che vive e lavora fra Roma e Parigi – ha scelto di indagarlo attraverso un progetto dal titolo eloquente: “Traditur”, dove il gioco dei dadi incarna l’incertezza del destino umano in un universo esatto e matematico. Come la storia di una casata è legata a una serie di alleanze e tradimenti spesso imprevedibili, così i grandi dadi in marmo nero e bianco che recano incisi i simboli ispirati agli stemmi araldici delle famiglie coinvolte, si interfacciano e si confrontano in accostamenti inaspettati, suggerendo un intricato sistema di rimandi e collegamenti.

L’opera, che ha vinto la seconda edizione del Premio “Memorie#” per l’arte contemporanea, indetto dal Trust Floridi Doria Pamphilj, sarà esposta al Castello Doria di Dolceacqua dal 21 luglio al 15 agosto, per poi approdare, in un confronto con la tradizione pittorica antica della mostra “Memorie#Tradimenti”, ai Chiostri di Santa Caterina, nel più importante complesso monumentale di Finalborgo, dal 20 al 28 agosto e, infine, all’Archivio Pittor Giani di San Sebastiano Curone dal 30 agosto al 26 settembre. L’ingresso a tutti gli eventi è libero

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.