Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ceriana, confezionano miscela esplosiva fai da te. Due ragazzini denunciati dai carabinieri

I rudimentali “ordigni” erano stati collocati nella centrale piazza Rubini

Più informazioni su

Ceriana. Due 14enni incensurati sono stati denunciati in stato di libertà per aver fabbricato e poi fatto esplodere tre bottiglie di plastica contenenti una miscela esplosiva fatta in casa.

È un effetto che si determina in pochi minuti – variabili in relazione alle dosi utilizzate –causando, all’eplosione, schizzi di sostanza acida pericolosissima per i passanti, per gli stessi utilizzatori (i quali, mescolando le sostanze senza particolare precisione, potrebbero essere immediatamente investiti dall’acido, con coseguenti ustione e/o perdita di organi esposti, nonché dall’onda esplosiva che si genera) e per l’ambiente.

I rudimentali “ordigni” erano stati collocati nella centrale piazza Rubini, nelle giornate del 6, 7 e 10 giugno: le esplosioni hanno intimorito i residenti che hanno immediatamente allertato i Carabinieri della Stazione. Le indagini hanno consentito di identificare in poco tempo i due minori, italiani.
Attenzione: la voglia di “fare un esperimento” non può essere così facilmente appagata, proprio per le conseguenze che una gestione maldestra delle sostanze chiamate in gioco potrebbe comportare. Quando si assiste a questi esperimenti in TV o in internet, è sistematica la raccomandazione “NON PROVATECI A CASA”. Ove ci si volesse cimentare con la chimica, occorre che ogni passo sia compiuto sotto la supervisione di una persona competente e qualificata, predisponendo inoltre tutti i sistemi di sicurezza necessari. Fattori che, nel caso specifico, sono completamente assenti.

Come suggeriscono gli artificieri del Comando Provinciale Carabinieri di Genova, non bisgogna miscelare mai sostanze di cui non si conosca la natura , evitando di emulare azioni riprese dai social o dalla televisione. Ogni miscelazione di sostanze chimiche comporta una successiva reazione di cui non si può conoscere l’effetto.

Nel caso in esame, gli artificieri hanno evidenziato la presenza di una trasformazione chimica, con il cambiamento delle molecole dallo stato solido/liquido a quello gassoso, con lo sviluppo di elevatissime temperature, il tutto ad una velocità rapidissima con effetto esplosivo.

Un atteggiamento spavaldo, quello posto in essere dai due minori: che – solo per fortuna – non gli ha causato conseguenze fisiche.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.