Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, Rivieracqua chiede i soldi ai comuni morosi: depositate le ingiunzioni in tribunale

Il Consorzio idrico batte cassa ai suoi stessi soci: 2 milioni chiesti ai piccoli comuni

Imperia. I legali di Rivieracqua,  Maurizio Boeri e Gabriella Lo Presti dell’omonimo studio associato sanremese hanno depositato presso la cancelleria del tribunale di Imperia i decreti ingiuntivi nei confronti dei comuni morosi.

Si tratta di un primo blocco di 11 comuni del Golfo dianese e dell’entroterra per un ammontare di 2 milioni e 100 mila euro. Per gli altri, in tutto una ventina, sono in corso accertamenti per verificare tipologia di crediti e posizioni.

La cifra totale vantata dal Consorzio idrico presieduto dal commercialista chiavarese Gian Alberto Mangiante si aggira sui 6 milioni di euro.

 Rivieracqua nei giorni scorsi si è vista respingere dal giudice il nuovo Piano concordatario che prevede il pagamento del 65 per cento dei debiti nei confronti delle imprese appaltatrici che ammontano in tutto a poco più di 15 milioni di euro.

Resta, però, aperto il nodo Amat che andrebbe a pesare di una ulteriore, non trascurabile, quota di 23 milioni di euro

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.