Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

60° Trofeo Bonfiglio, il ceco Forejtek infrange il sogno del sanremese Arnaldi

Gli Internazionali d'Italia juniores così perdono il loro azzurro

Più informazioni su

Sanremo. Si è presentato a Milano senza la buona pubblicità degli “Alexander Zverev” o degli “Stefanos Tsitsipas”, ma con più o meno la stessa solidità, velocità e peso di palla. Lui si chiama Jonas Forejtek, viene dalla Repubblica Ceca e al 60° Trofeo Bonfiglio ha infranto i sogni di gloria di Matteo Arnaldi in semifinale.

Gli Internazionali d’Italia juniores così perdono il loro azzurro, milanese d’adozione anche per tifo del pubblico, ma trovano una nuova stella da mostrare al mondo in anteprima (domenica in finale contro l’argentino Thiago Tirante). Ha il physique-du-role, Jonas, non altissimo, non palestrato (in questo sì è ancora un po’ indietro rispetto ai recenti vincitori del Bonfiglio oggi protagonisti del circuito Atp) e certamente ha i colpi. Lo sa il ligure, che pure non ha nulla da recriminare e anzi può dirsi soddisfatto per un torneo che testimonia la bontà del suo percorso. Che è cominciato e prosegue tra Sanremo, sotto la guida dello storico maestro Filippo Sciolli, Tirrenia, al centro tecnico federale, e Milano Tennis Academy, con il team di coach Ugo Pigato. E ad Arnaldi non si può rimproverare nulla nemmeno
in relazione alla semifinale di sabato pomeriggio.

Ci ha provato in tutti i modi, senza mollare mai né di testa né di braccio. Troppo forte però il classe 2001 di Pilsen, un biondino che sa giocare profondo profondo e poi accelerare all’improvviso sia col diritto che col rovescio. Uno che martella al servizio, che sa toccare la palla sottorete e che però non si fa ingolosire dalle proprie capacità, restando concreto e pragmatico senza strafare. Tutto questo ha mostrato in una settimana a Milano, e ancor più nell’ora e cinque minuti passata in campo contro Arnaldi, che ha rispedito negli spogliatoi col parziale di 6-1 6-3. Adesso è il ceco che si carica sulle spalle il fardello del favorito, non tanto e non solo per il ranking mondiale (n.9 Itf under 18) e per la testa di serie milanese (la quarta), ma perché davvero è quello che ha fatto vedere le cose migliori.

Più pragmatico, magari meno sfarzoso ma certamente efficace, il tennis di Thiago Tirante, che è uscito dal gruppo dei 64 al via spingendosi fino in fondo. E sabato, per aprirsi le porte della finale, ha impiegato due ore e 7 minuti per liberarsi del mancino americano Martin Damm (che nei quarti aveva eliminato Filippo Moroni) con il punteggio di 7-5 4-6 6-2. In realtà il sabato del Bonfiglio era cominciato con le semifinali femminili, alle 11, sul Campo Centrale, sul campo n.9 e in diretta su SuperTennis, la tv della Federtennis che trasmette in chiaro e gratis sul canale 64 del digitale terrestre oltre che sul 224 della piattaforma Sky. Gli spettatori del ‘Bonacossa’, così come quelli sul divano, hanno potuto ammirare in super-anteprima il talento di Linda Fruhvirtova, sconfitta dai suoi soli 14 anni e dall’inesperienza ancor prima che dalla statunitense Alexa Noel, la pupilla di Hana Mandlikova (ex n.3 Wta) brava a stare in partita dopo un primo set volato via e dopo un terzo parziale da montagne russe. 1-6 6-4 6-4 il
punteggio finale dell’incontro.

A contendere il titolo alla testa di serie n.6 da Scottsdale (Arizona) ci sarà la più grande sorpresa della settimana, vale a dire Sada Nahimana, giocatrice del Burundi qui a Milano grazie al progetto di sviluppo dei paesi africani dell’ITF. Ha 18 anni e si allena in Marocco, proprio con il team della federazione internazionale, e in finale ci è andata dopo il 6-4 6-3 (in un’ora e 21 minuti) alla canadese Melodie Collard. Anche nella giornata conclusiva si parte alle 11.00, con le ragazze ad aprire la via ai maschietti. Sada Nahimana punta a diventare la seconda giocatrice del continente africano di sempre a iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro femminile (l’ultima la sudafricana Brenda Kirk nel
1975).

Tra i maschi, Tirante tenta di far risuonare di nuovo il tango al ‘Bonacossa’ dopo la doppietta del 2008 e 2009 firmata da Guido Pella e Facundo Arguello, mentre Forejtek proverà a succedere niente di meno che a Ivan Lendl, vincitore nel 1978. A consegnare i trofei alla premiazione femminile ci sarà Lea Pericoli, ambasciatrice del tennis azzurro, mentre per quella maschile ci sarà Sergio Tacchini, primo vincitore del torneo nel 1959. Il modo migliore per celebrare i sessant’anni da campioni del Bonfiglio.

RISULTATI DI GIORNATA DEL 60° TROFEO BONFIGLIO
Tabellone singolare maschile, semifinali
J. Forejtek (Cze) [4] b. M. Arnaldi (Ita) 6-1 6-3
T. Tirante (Arg) [13] b. M. Damm (Usa) [15] 7-5 4-6 6-2
Tabellone singolare femminile, semifinali
S. Nahimana (Bdi) b. M. Collard (Can) 6-4 6-3
A. Noel (Usa) [6] b. L. Fruhvirtova (Cze) [WC] 1-6 6-4 6-4
Tabellone doppio maschile, semifinali
T. Schoolkate (Aus) / D. Sweeny (Aus) – M. Damm (Usa ) / H. Rune (Den) [4] in corso
A. Kalender (Cro) / T. Tirante (Arg) b. N.G. Dica (Rou) / P. Makk (Hun) 6-4 3-6 10/8
Tabellone singolare femminile, semifinali
S. Nahimana (Bdi) / S. Park (Kor) [6] b. L. Kostenko (Ukr) / T. Pachkaleva (Rus) 7-5 6-2
N. Kawaguchi (Jpn) / A. Nagy (Hun) [2] b. L. Anzalotta Kynoch (Pur) / M. Collard (Can) 6-4 4-6 10/2

I risultati in diretta del Trofeo Bonfiglio li potete trovare su Tennis-Ticker, app per smartphone e tablet dedicata al live scoring. Per maggiori informazioni www.tennis-ticker.com e www.tcmbonacossa.it. Aggiornamenti, foto e commenti su Facebook, Twitter e Instagram (account ufficiali del Tc Milano A. Bonacossa e dell’Ufficio Stampa della manifestazione – Ufficio Stampa Tennis). È possibile partecipare con gli hashtag #TrofeoBonfiglio, #Bonfiglio60 e #Sweet60.

La copertura televisiva delle fasi decisive (live di semifinali e finali) è affidata a SuperTennis Tv, canale 64 del digitale terrestre, 224 di Sky, 30 di TivùSat e in web-streaming su www.supertennis.tv. L’ingresso nella splendida e storica struttura del Tc Milano Alberto Bonacossa è libero per tutta la durata della manifestazione, dalle qualificazioni alle finali.

LA METRO ‘LILLA’, I TRAM E LA TANGENZIALE: COME ARRIVARE AL TCM BONACOSSA. Con i mezzi pubblici – tram 1, 14, 19 e 33 (fermata Piazza Firenze) oppure autobus 43, 48, 57, 69, 78, 90, 91, 163. In metropolitana, con la linea M5 (la lilla), fermate Portello o Domodossola (10 minuti a piedi). In auto – dalla rete delle tangenziali milanesi prendere l’uscita Certosa, seguire per il centro e imboccare la circonvallazione su Viale Monte Ceneri (cavalcavia della Ghisolfa). Il club è in via Arimondi, 15.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.