Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ventimiglia, l’istituto Cavour e i carabinieri insieme per costruire la legalità

Molto sentita da parte dei ragazzi la problematica del cyberbullismo, per questo il capitano Giangreco ha invitato gli studenti all’utilizzo consapevole e sicuro della rete

Ventimiglia. La scuola media di Roverino, nell’ambito delle iniziative di diffusione della cultura della legalità, nei giorni scorsi, ha ospitato il secondo incontro con il capitano dei Carabinieri di Ventimiglia Francesco Giangreco.

La lezione, cui hanno partecipato tutti gli alunni delle classi terze, è stata svolta nell’ambito del progetto legalità dell’istituto comprensivo n° 2 Cavour di Ventimiglia, diretto da Antonella Costanza, e ha avuto come tematiche la prevenzione e il contrasto ai fenomeni di bullismo e cyberbullismo ma anche la prevenzione dell’abuso di sostanze stupefacenti come droga ed alcool.

Gli argomenti trattati dal capitano hanno suscitato molto interesse nei giovani partecipanti e così si è instaurato un dialogo costruttivo ed educativo. Giangreco con la massima disponibilità e competenza ha risposto a tutte le domande degli studenti.

Molto sentita da parte dei ragazzi la problematica del cyberbullismo, per questo il capitano Giangreco ha invitato gli studenti, anche attraverso l’utilizzo di supporti multimediali e di esempi concreti, all’utilizzo consapevole e sicuro della rete ed anche alla riflessione sul valore del significato delle parole, inoltre ha focalizzato l’attenzione degli alunni sulle conseguenze derivanti dall’utilizzo improprio ed inadeguato delle immagini online.

Relativamente all’abuso di sostanze, Giangreco ha fatto presente i gravi rischi per la salute, soprattutto se l’utilizzo di alcool e droghe comincia in giovane età, ed ha spiegato chiaramente le drammatiche conseguenze sociali e penali a cui vanno incontro i consumatori.

Importante e sentita questa collaborazione tra l’istituzione scolastica e l’arma dei carabinieri nell’ottica di un percorso formativo ed educativo dei giovani cittadini. Insieme la legalità si costruisce con più forza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.