Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vallecrosia, approvato il piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza

"Finalizzato in generale a garantire il buon governo della cosa pubblica e di individuare un soggetto interno quale responsabile della prevenzione della corruzione"

Vallecrosia. “Quando fu presentato il nostro programma elettorale alla popolazione, la trasparenza era una delle proposte progettuali da sviluppare nel mandato amministrativo. Il piano triennale di prevenzione della corruzione è un primo impegno che abbiamo voluto approfondire con il segretario comunale D’Urbano e tracciare le linee di governo affidandole la regia ed il controllo” - fa sapere il sindaco Armando Biasi.

“Dopo l’istituzione dell’Anac Nazionale le Amministrazioni stanno dando il loro contributo. La Giunta Comunale in data 23 gennaio 2019 ha approvato il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza per il triennio 2019 – 2021, dichiarandolo immediatamente eseguibile. Sarà pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Vallecrosia, nella sezione “Amministrazione trasparente” e precisamente nella sotto-sezione “Altri contenuti – Anticorruzione” a disposizione di chiunque desideri prenderne visione” - continua.

“La legge n. 190/2012 ha introdotto l’obbligo, per ciascuna Amministrazione Pubblica, di redigere ogni anno un Piano triennale di prevenzione della corruzione, finalizzato in generale a garantire il buon governo della cosa pubblica e di individuare un soggetto interno, che nel comune di Vallecrosia viene indicato nella persona del
Segretario Comunale, quale responsabile della prevenzione della corruzione e dell’invio dello stesso PTPCT all’Autorità Nazionale Anticorruzione.

In sintesi il Piano anticorruzione deve riportare:
– la valutazione del diverso livello di esposizione degli uffici al rischio di corruzione;
– gli interventi organizzativi mirati a prevenire tale rischio;
– le procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti chiamati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione (ad esempio quello degli appalti pubblici)” - dice.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.