Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

San Bartolomeo al Mare, escursione guidata sul percorso del trekking urbano in occasione Fiera della Candelora

Iscrizione obbligatoria, partenza alle 9:30 da piazza Torre Santa Maria

San Bartolomeo al Mare. Arti & Sapori della Rovere e la tradizionale Fiera della Candelora sono anche straordinari momenti promozionali per le attività culturali e turistiche della città.

E’ per questo motivo che è stata inserita nel programma (domenica 3 febbraio, alle 9:30) un’escursione guidata sul percorso del trekking urbano, in collaborazione con Luca Patelli, guida ambientale escursionistica tra borghi, orti, chiesette e campagna per scoprire gli angoli nascosti, le borgate e quegli scorci che non si possono notare dal finestrino dell’auto e nella routine di tutti i giorni, con l’obiettivo di promuovere le meraviglie naturalistiche e paesaggistiche del suo territorio e di tutto il Golfo Dianese.

Verranno percorsi 8,5 km, in circa 2 ore e mezza. Il ritrovo è fissato per le 9:30 di domenica in Piazza Torre Santa Maria. La partecipazione all’escursione è gratuita. Occorre prenotarsi chiamando Luca Patelli +39 347 600 6939. Maggiori info: https://ponentexperience.wordpress.com/2019/01/30/domenica-03-febbraio-trekking-urbano-di-san-bartolomeo-al-mare/

454_candelora 2019 20190110

La Fiera della Candelora si svolge tradizionalmente il 2 e 3 febbraio presso il Santuario della Madonna della Rovere di San Bartolomeo al Mare. L’evento, le cui origini risalgono al XVII secolo, costituisce un momento di notevole importanza economica, sociale e religiosa, fortemente legato alla tradizione commerciale dell’intera vallata e del Golfo dianese e rappresenta uno degli appuntamenti etnografici più caratteristici dell’intero Ponente Ligure.
La fiera, dal punto di vista economico, segna un passaggio tradizionale nell’ambito delle occupazioni agricole: è da poco terminata la stagione olivicola, si ha una chiara situazione della annata e si impostano i lavori per la primavera: acquisto di alberi da frutto, di concime, di animali da lavoro e si stipulano contratti di vendita d’olio. Tant’è che – storicamente – una delle figure maggiormente presenti ed emblematiche alla fiera era proprio quella del Notaio, incaricato della stipula dei nuovi contratti.

A livello sociale una fiera così grande ed importante rappresenta un imperdibile appuntamento poiché in passato creava occasioni di affari di diversa natura e di incontro fra la gente della costa e quella dell’entroterra, tra gli abitanti del ponente Ligure e i pastori, gli agricoltori e i ricchi commercianti del basso Piemonte e del savonese.

Dal punto religioso costituisce un sentito momento devozionale, in riferimento al Santuario della Madonna della Rovere, luogo di culto ed anticamente di pellegrinaggio da tutta la Liguria ed il basso Piemonte. La solenne celebrazione religiosa del 2 febbraio ha poi un’indiscutibile risvolto ancestrale per la sua funzione di purificazione, fra le festività invernali – inframmezzate dal Carnevale – prima della lunga Quaresima. Attualmente la Fiera della Candelora ospita circa 300 bancarelle, oltre a tutte le aree di Arti & Sapori della Rovere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.