Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il progetto “Cyberbullismo 0 in condotta” sbarca a Pieve di Teco e a Pontedassio

Sono stati discussi concetti legati alla riservatezza/tutela del dato personale, dell’importanza di configurare bene privacy/sicurezza sui social e di proteggere i propri dispositivi con software antivirus

Pieve di Teco. Il progetto “Cyberbullismo 0 in condotta” di G Data Italia, ha raggiunto le cittadine liguri di Pieve di Teco e di Pontedassio.

Con l’obiettivo di informare/formare mediante workshop ragazzi e genitori di una decina di istituti comprensivi italiani. Il progetto ha visto l’adesione dell’istituto Comprensivo di Pieve di Teco. La referente per il cyberbullismo, prof.ssa Faraldi, già impegnata a portare avanti durante l’anno scolastico attività analoghe all’interno della scuola, ha fortemente voluto questo intervento complementare agli altri già in atto, in quanto mirato primariamente a generare su ragazzi e genitori la necessaria consapevolezza per gestire in sicurezza le potenzialità che il web oggi offre.

Diapositiva1 Diapositiva3

Il formatore incaricato da G Data Italia, Mauro Ozenda, consulente informatico impegnato da anni su progetti mirati alla tutela dei minori online e all’uso sicuro, sano e consapevole di internet, co-autore del libro “Sicuri in Rete” della Hoepli edizioni e della fiaba “Un computer dal cuore saggio” Armando Curcio Editore, ha incontrato durante la mattina circa 200 ragazzi della scuola media (terze medie) e della scuola primaria (classi quinte).

Durante l’incontro è emerso che oltre il 90% dei ragazzi ha uno smartphone e utilizza Whatsapp, tutti hanno almeno un dispositivo (tablet/computer/mobile), ogni classe ha il suo gruppo su Whatsapp, 90% è iscritto a Instagram (medie), il 30% è iscritto a Musically. Il 90% dei ragazzi sostiene di non avere mai avuto, da quando ha iniziato a utilizzare internet, alcun sistema di protezione minori (parental control).

Sono stati dunque trasferiti dal consulente concetti importanti legati alla riservatezza/tutela del dato personale, dell’importanza di configurare bene privacy/sicurezza sui social e di proteggere i propri dispositivi con software antivirus non dimenticandosi degli aggiornamenti e di un sistema di protezione degli account robusto (password e cifratura dei dati).

In serata nel bellissimo scenario nella sala consiliare del Comune di Pontedassio, si è tenuto l’incontro con i genitori durante il quale oltre a un feedback circa gli incontri sui ragazzi, sono state fornite le giuste indicazioni per tutelare, monitorare, affiancare, in una parola fare “Educare” i figli ad un utilizzo corretto di internet e dei social media.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.