Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, Union Riviera Rugby in campo nel fine settimana: due sconfitte

Nel segno del rinnovamento

Più informazioni su

Imperia. Dal pianeta Union Riviera Rugby arrivano segnali contrastanti. Ferma l’under 18, che ha conosciuto comunque l’entità dei prossimi impegni nel girone interregionale di primo livello, sono di scena la under 16 di Giorgio Pallini e la seniores di Franco La Macchia e Davide Pozzati.

L’under 16 gioca sabato in casa con gli Amatori Genova: una scuola rugbistica di sicuro livello, che si presenta con giocatori molto fisici ed una preparazione tattica di sempre migliore profilo, segno dell’evoluzione positiva del rugby nel capoluogo ligure. L’Union è reduce da buone prove, è una squadra di franchigia che pone insieme almeno due anime principali, quella di Imperia e quella dei Salesiani Vallecrosia.

L’amalgama non è facile e i tecnici, compreso Massimo Zorniotti che fa la spola tra Imperia e l’estremo Ponente ligure, si impegnano molto. Si tiene comunque il campo, come hanno dimostrato le vittorie con squadre piemontesi. Molto più difficile il confronto con i blaugrana di Sant’Olcese. Di fatto i due tempi sono speculari a livello di marcature: quattro per volta agli ospiti e una per i locali. L’Union però ha coraggio da vendere: preme per i primi dieci minuti e costringe gli Amatori nei propri 22.

A parte la sortita del centro Riccardo Grasso, che segna mete e calci di trasformazione. Da manuale la prima meta del colossale Omar Elakraa, un ragazzo che fa molti sacrifici per essere presente agli allenamenti e che è un sicuro prospetto, anche pensando al fisico davvero imponente. Quando gli Amatori tirano fuori la testa dal guscio e iniziano a giocare da par loro, non dilagano: nel secondo tempo, è vero, sale in cattedra la seconda linea Armanino con tre mete, segno di un gioco che comunque è stato portato avanti dal pacchetto di mischia. Però, d’altro canto è Andrea Qarri, schierato nella “sua” posizione di centro, che guida il gruppo dei corsari, placcando tutto quello che è più alto della rara erba del “Pino Valle” ed aprendo le danze al terzo minuto del secondo tempo per la meta dell’imprevedibile Liporace. Si chiude con un passivo limitato dunque, che fa ben sperare per il futuro.

Union Riviera Rugby under 16 in campo con:

Elakraa, Abbo, Maggioli; Lucioli, Campi; De Meo, Parodi, Gheza; Ardoino, Nunziata, Tornatore, Chiappori, Qarri, Bruno, Liporace, a disposizione ed entrati: Borca, Batmaz, Militello.

Amatori Genova under 16 in campo con:

Calabria, Bavastro, Pruzzo; Armanino, Barabino; Perez, Bellini, Molinaro; Luccoli, Baudo, Ruso, Grasso, Bernuzzi, Magioncalda, Quarta, a disposizione ed entrati: Bovero, Palumbo, Longo.

Under 16 girone territoriale Ligurepiemontese (II giornata di ritorno)

Union Riviera – Amatori Genova 10/50

CUS Genova – FTGI Marengo 71/0

Black Herons Acqui – FTGI Rugby Ligues1 17/67

CLASSIFICA: Amatori Genova punti 33, Rugby Ligues/1 29, CUS Genova 23, Union Riviera e B.H. Acqui 10, Marengo 0.

Discorso diverso, ma votato comunque alla linea verde, con tutte le conseguenze del caso, è quello della seniores, ormai destinata a chiudere il primo girone nella fascia inferiore e a dover poi fare esperienza nella seconda parte della stagione innestando sempre di più nuovi elementi e soprattutto i giovani di una promettente under 18. E così è stato a Genova, di fronte ad una seconda squadra del CUS già attrezzata per guadagnare la serie B.

La squadra è priva di molti senatori, tra squalifiche, infortuni, indispobilità: Pozzati, Delbecchi, Castaldo, Novaro, Demasi, Masetto e Damiano. Una spina dorsale a tutti gli effetti. La pausa della under 18 vede così in campo, nuovamente o meno, gli under: Marasco apertura, Braccini funanbolico estremo, Archimede come tre quarti duttile e finalmente un uomo nuovo in prima linea, l’atteso Ascheri. Partita intera per loro, tanta esperienza fatta e almeno un quarto di partita tenuta con assoluta dignità. Il passivo finale è pesante, ma, come detto, di fronte c’era una compagine rodata in cui il gioco alla mano non poteva che premiare, anche se hanno dimostrato di avere un pacchetto di mischia di lusso. La controprova si potrà vedere con la reazione di gruppo domenica al “Pino Valle” quando arriva un più abbordabile CUS Torino: sconfitta a casa loro per la Union che brucia ancora. Squadra da reinventare ancora una volta, ma insieme si può reagire.

Serie C/1 girone D poule 2 (III giornata ritorno)

Savona – CUS Pavia 41/6

CUS Genova/B – Union Riviera 73/8

CUS Torino/B – Moncalieri 42/0

CLASSIFICA: CUS Genova/B punti 34, Savona 32, CUS Pavia 20, Union Riviera 9, CUS Torino/B 6, Moncalieri 4.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.