Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Innesto di lusso al Piatti Tennis Center di Bordighera: Luigi Bertino è il nuovo direttore tecnico foto

Il 54enne torinese sarà presente quotidianamente sui campi di Bordighera, e a livello organizzativo diventerà la figura di riferimento per maestri e genitori

Bordighera. Due percorsi che si uniscono di nuovo dopo quasi venticinque anni, per dare una struttura ancora migliore a un progetto molto ambizioso. Sono le strade di Riccardo Piatti e Luigi Bertino, tecnico piemontese con oltre trent’anni di esperienza, che da questa settimana fa il suo ingresso nello staff del Piatti Tennis Center, in qualità di nuovo direttore tecnico della struttura di Bordighera e di tutte le attività del team.

Un innesto di qualità che profuma di vecchi tempi, perché proprio Bertino è stato, dal 1989 al 1994, il direttore tecnico del Ct Le Pleiadi di Moncalieri, nel periodo in cui un giovane Riccardo Piatti iniziò a muovere i primi passi come coach di alto livello. I due non si sono mai persi di vista, continuando a collaborare a distanza anche nelle ultime stagioni (in cui Bertino è stato direttore della scuola del Circolo della Stampa Sporting di Torino, uno dei club nell’orbita del Team Piatti), e non appena è capitata l’opportunità hanno deciso di lavorare di nuovo fianco a fianco.

Il 54enne torinese sarà presente quotidianamente sui campi di Bordighera, e a livello organizzativo diventerà la figura di riferimento per maestri e genitori. “Abbiamo scelto di affidarci a una persona di enorme esperienza – ha detto Riccardo Piatti – e abbiamo totale fiducia nei suoi confronti. Sarà fondamentale per aiutarci a mantenere quel livello di eccellenza a cui aspiriamo ogni giorno, e ci aiuterà a offrire dei servizi sempre migliori, sia ai giocatori e ai maestri che vengono ad allenarsi al Piatti Tennis Center, sia a chi lavora per noi”.

Bertino vanta un curriculum di assoluto rispetto, in campo e fuori, come direttore di varie realtà di successo e in qualità di apprezzato docente, sia per l’Istituto Superiore di Formazione della Federazione Italiana Tennis, sia per il Professional Tennis Registry (Ptr), la più importante associazione mondiale di insegnanti di tennis. “Lavorare per una realtà come il Piatti Tennis Center – dice Bertino – è una prospettiva davvero allettante, perché mi permette di continuare a crescere e mi dà la possibilità di sviluppare al meglio la mia professione”.

Il suo ingresso nel team non è casuale: i numeri sono in costante aumento, arrivano in Riviera ragazzi da tutta Italia (e non solo), dunque l’aspetto organizzativo diventa fondamentale. “Il Piatti Tennis Center – continua – nasce come polo di allenamento per l’alto livello, quindi serve la massima attenzione a tutti i particolari, per fare in modo che chi viene qui sia certo di trovare un servizio che altrove non può ricevere. Per questo, è molto importante il gioco di squadra e l’organizzazione. Abbiamo iniziato un’attività di team building, con l’obiettivo di alzare sempre di più il livello qualitativo dello staff. Sono sicuro che faremo un gran lavoro”. Date le premesse, è già una certezza.

Classe 1963, Luigi Bertino è maestro nazionale Fit dal 1985 e Professional Ptr dal 1989, e nel 2014 ha conseguito la qualifica di Tecnico Nazionale. Dal 1989 al 1994 è stato direttore tecnico del Ct Le Pleiadi di Moncalieri, dove ha collaborato con Riccardo Piatti alla preparazione di professionisti come Camporese, Furlan, Caratti e Ljubicic. Dal 1996 al 2013 è stato direttore tecnico del Tc Monviso di Grugliasco, mentre successivamente è stato direttore della scuola tennis del Circolo della Stampa Sporting di Torino.

Relatore in vari corsi Ptr da oltre vent’anni, dal 2011 collabora con l’Istituto Superiore di Formazione della Fit, come docente e come responsabile dell’area organizzativa. Nel 2000 ha ricevuto l’onorificenza di “International Master Professional”, speciale riconoscimento riservato ai tecnici che nella loro carriera hanno contribuito alla crescita del tennis nel proprio Paese, dedicandosi anche alla diffusione di nuovi metodi di insegnamento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.