Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imperia, voleva uccidere il figlio del suo ex avvocato e poi suicidarsi: portato in carcere Nadhir Garibizzo foto

Garibizzo, nel 2001, aveva ucciso l'amante

Imperia. I carabinieri hanno portato in carcere nella notte, dopo un lungo interrogatorio, Nadhir Garibizzo, 59 anni, l’ex medico dell’Asl 1 imperiese, arrestato martedì pomeriggio per il tentato omicidio di un bambino di 8 anni, figlio di una avvocatessa imperiese, Elena Pezzetta, che lo aveva difeso in passato in processi civili.

Nadhir Garibizzo

Garibizzo, nel 2001, aveva ucciso l’amante, Ornella Marcenaro, strangolandola e poi occultandone il corpo dentro un baule, nascosto in un casolare ad Auirgo.

Stando a quanto accertato dal procuratore della Repubblica Alberto Lari, di Imperia, sembra che l’uomo volesse ammazzare il bambino per poi suicidarsi. Dentro una borsa di Garibizzo, infatti, i carabinieri hanno trovato una corda: probabile, dunque, che l’uomo volesse impiccarsi.

I fatti. Nel pomeriggio di martedì Nadhir Garibizzo è entrato in casa di un avvocato e con un coltello ha minacciato il figlio del legale, un bambino di soli otto anni. L’uomo, 59 anni, sarebbe stato visto aggirarsi per diversi minuti davanti all’abitazione dell’avvocatessa E.P. La donna aspettava visite e aveva aperto il cancello della propria casa per far entrare il proprio ospite. A quel punto Garibizzo è entrato e non ha esitato a puntare il coltello contro la schiena del figlio del legale, sdraiato sul divano.

A difendere il piccolo è intervenuto il compagno dell’avvocato, che nel tentativo di disarmare Garibizzo sarebbe rimasto ferito ad una mano. L’uomo era appena ritornato a casa da un quarto d’ora. Adesso la coppia è partita per una vacanza programmata da tempo.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.