Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mensa scolastica, a Riva Ligure arriva il borsellino elettronico

I genitori potranno gestire in completa autonomia il servizio mensa attraverso un portale web, una App, oltre che utilizzando e-mail e sms

Riva Ligure. “Anno scolastico nuovo, sistema nuovo. Da settembre – evidenziano il sindaco Giorgio Giuffra ed il presidente del Consiglio comunale Martina Garibaldisaranno attivati i buoni mensa elettronici per il pagamento dei pasti per la refezione scolastica. Via, dunque, i blocchetti cartacei: ad ogni bambino sarà associato un codice Pan, rilasciato dall’Ufficio Scuola del Comune, attraverso il quale sarà possibile ricaricare il conto virtuale”.

Con questo annuncio, dunque, si prevede una grande novità per il pagamento della mensa scolastica. Una novità che interessa tutte le famiglie con figli che frequentano le elementari o le medie. Vanno in pensione i buoni che si acquistavano alla Filiale della Carige ed arriva il borsellino elettronico. In pratica, i genitori potranno gestire in completa autonomia il servizio mensa attraverso un portale web, una App, oltre che utilizzando e-mail e sms. Basta registrarsi con username e password: verranno rilevate le presenze dei ragazzi, che potranno essere prenotate e disdette facilmente, e si potrà procedere ai pagamenti con contanti, Pagobancomat, carte di credito e Mav, avendo a disposizione un vero e proprio portafoglio virtuale. Se alla fine dell’anno scolastico sul borsellino ci fossero ancora soldi si potranno sfruttare l’anno successivo. Il borsellino elettronico sarà attivato da Riva Ligure che gestisce il servizio anche per Santo Stefano al Mare e Pompeiana.

“Si tratta di un intervento teso a migliorare la qualità di vita dei cittadini. Informatizzare il servizio mensa – hanno aggiunto il sindaco ed il presidente del Consiglio - significa ridurre per i nostri concittadini evitare perdite di tempo quali le file agli sportelli”. Con il sistema del borsellino elettronico si combatte meglio anche l’evasione, dal momento che si versa in anticipo il dovuto e si scala per ogni giorno di effettivo consumo. Quindi non c’è più il rischio di dover buttare i buoni non utilizzati l’anno precedente.

“Si tratta di un sistema più efficiente e ordinato – concludono Giuffra e Garibaldi - che, oltre a rendere più semplici e veloci tutte le operazioni da parte dei genitori, ci consentirà di avere una mappatura sempre aggiornata degli utenti che usufruiscono del servizio”.

La gestione del servizio di refezione scolastica per gli anni scolastici 2017/2018 e 2018/2019 è attualmente oggetto di gara di appalto. Ai fini dell’aggiudicazione, saranno determinanti al 60% la qualità del servizio ed al 40% l’offerta economica. Nell’ultimo anno scolastico, tra i Comuni di Riva Ligure, Santo Stefano al Mare e Pompeiana, sono stati complessivamente somministrati oltre 27.000 pasti.

La ditta aggiudicataria del servizio dovrà continuare a curare, presso la cucina messe a disposizione dal Comune di Riva Ligure, l’intero ciclo di manipolazione e preparazione dei pasti, dall’approvvigionamento degli alimenti base, al confezionamento del piatto pronto per la somministrazione. Il Comune di Riva Ligure contribuisce con un importo di circa 10.000 euro per alleggerire la retta degli utenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.