Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo, finalmente rimossa l’auto-casa di via Borea: accertamenti sul proprietario fotogallery

All’interno della macchina, gli agenti della polizia municipale, hanno trovato che dormiva un tunisino di circa 30 anni

Sanremo. Stamane verso le 9.30, è stata finalmente rimossa la Mazda 626 blu ferma da mesi di fronte in via Borea, di fronte all’omonima casa di riposo. L’auto, alla quale erano state smontate le ruote posteriori, era stata eletta ad abitazione da parte di alcuni extracomunitari. All’interno della macchina, gli agenti della polizia municipale, hanno trovato che dormiva un tunisino di circa 30 anni, sul quale sono in corso accertamenti.

riviera24 - Sanremo, rimozione auto via Borea

Sarebbero circa 60 i veicoli abbandonati sparsi sul territorio comunale. E rimuoverli è un problema.
Sì perché “grazie” a una delle tante farraginose leggi italiche, prima di consegnare l’auto allo sfasciacarrozze c’è da rispettare un lungo e tortuoso iter burocratico, che letteralmente “lega le mani” agli agenti della Municipale ai quali spetta il compito di ripulire la strada da questi rottami. Rottami che, come nel caso (ma non è il solo) della berlina blu giapponese rimossa stamane, vengono usati come vere proprie abitazioni, con il bagno fuori come si usava una volta, per la gioia di residenti, passanti e pubblica igiene.

Rimuovere queste auto, dicevamo, non è semplice. Innanzitutto le autorità preposte devono notificare l’imminente rimozione al proprietario. E qui sorgono i primi problemi: quest’ultimo può essere infatti irreperibile o non ricevere la notifica, fatti questi che allungano ulteriormente la procedura. Procedura che si dilata nei tempi ancor di più quando l’auto (come nel caso di una Mercedes station wagon parcheggiata dietro Portosole) è targata straniera. C’è poi da fare il distinguo tra auto abbandonate e “auto rifiuto”. Le prime, per essere considerate tali, devono essere prive di assicurazione e in sosta nello stesso posto per almeno tre mesi. Le seconde (per le quali la rimozione è ancora più complicata) devono essere prive di parti fondamentali, quali possono essere motore, ruote, targhe o altro che ne renda impossibile la circolazione. Quest’ultime, se mai si riuscisse a rimuoverle, dovranno essere poi trattate come veri e propri rifiuti speciali e smaltite in centri appositi, lontani anni luce dal vecchio sfasciacarrozze. Nonostante la legge remi contro la Municipale comunque, ogni hanno sono circa 500 i mezzi, tra auto, moto, furgoni e chi più ne ha più ne metta, che ogni anno vengono rimossi dal territorio comunale della Città dei Fiori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.