Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Processo alla “Arancia meccanica” di Ceriana, lo sciopero degli avvocati lo fa rinviare all’anno prossimo

Violenza sessuale, uccisione di animale, minaccia, percosse, rapina, detenzione illegale di armi: questi i reati contestati

Imperia. Detenzione di armi, minacce, rapina, violenza sessuale, un cane ammazzato con un colpo di fucile: per questi fatti sono stati rinviati a giudizio quattro sanremesi, che si sarebbero macchiati dei gravissimi reati tra l’aprile e il giugno del 2015. Il processo, a quella che sembra una vera e propria banda presa dal film “Arancia meccanica”, a causa dello sciopero degli avvocati dallo scorso 4 maggio è stato rinviato al prossimo primo febbraio. Quasi un anno e con gli imputati a piede libero

LA VICENDA
Le indagini, condotte dal nucleo operativo di Sanremo e dai carabinieri di Ceriana – dove si sono svolti i fatti – hanno portato alla sbarra un 58enne e il figlio 27enne, insieme ad altri due giovani: un 30enne ed un 24enne. Gli imputati sono accusati di aver minacciato di morte un romeno e di aver ucciso a fucilate il suo cane “per crudeltà e senza necessità”.
Ma la sfilza di reati che pesano sulle spalle dei quattro sanremesi, rimasti a piede libero in attesa che venga fissata la data di inizio del processo a loro carico, non finisce qui: i quattro uomini avrebbero rubato un set di canne da pesca del valore di circa 700 euro, una balestra e utensili vari. Questo sembrerebbe essere il minore dei fatti commessi da quella che si potrebbe tranquillamente definire una vera e propria “banda” criminale.

I quattro complici avrebbero continuato, per circa tre mesi, a molestare la vittima designata, la sua compagna e un terzo uomo (tutti romeni) arrivando a minacce di morte. “Ti taglio una mano e la testa con un’accetta”: queste le parole proferite dagli imputati.
Uno dei quattro, inoltre, avrebbe sollevato con forza la compagna della vittima e, dopo averla sbattuta sul letto, avrebbe iniziato a baciarla e a toccarla, tentando di violentarla e rivolgendole parole di scherno: “Ti faccio un favore”. Solo la reazione della donna, che si è difesa con tutte le sue forze, ha impedito che si consumasse la violenza.
Senza scrupoli e senza pietà, i quattro sono arrivati ad uccidere un cane a colpi di fucile. Il fatto è avvenuto, tra l’altro, davanti a due fratelli minorenni, complici della “banda” criminale.

Altro capo di imputazione è la detenzione di una pistola semiautomatica di marca e modello sconosciuto: l’arma è stata utilizzata per minacciare di morte una seconda volta la vittima, alla quale la canna della pistola è stata infilata in bocca.

Violenza sessuale, uccisione di animale, minaccia, percosse, rapina, detenzione illegale di armi: questi i reati di cui dovranno rispondere i quattro sanremesi quando, l’hanno prossimo, inizierà il processo contro di loro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.