Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Camporosso, furto all’ipermercato cinese: carabinieri denunciano i tre complici del minorenne arrestato foto

Fuga durata meno di 24 ore

Camporosso. E’ durata poche ore la fuga dei tre complici del 16enne romeno arrestato ieri dai carabinieri della compagnia di Ventimiglia per il furto con scasso ai danni dell’ipermercato cinese “Best Shop” di via Braie.
I militari, al comando dal capitano Francesco Giangreco e dal tenente Giovanni De Tommaso,  hanno proseguito le indagini, battendo a tappeto il territorio e smantellando, in meno di 24 ore, la banda responsabile di furto e danneggiamento del grande magazzino.

Oltre al giovane romeno arrestato intorno alle 3 di ieri mattina, sono altre quattro le persone denunciate all’autorità giudiziaria a seguito del contestuale rinvenimento di tutta la numerosa merce asportata.

Dopo aver visionato le immagini del sistema di videosorveglianza presente all’interno del negozio, acquisite nonostante il tentativo dei malviventi di oscurare le telecamere e asportare il server dell’impianto, i militari sono riusciti a identificare altri tre soggetti che, in concorso con il giovane romeno arrestato in flagranza, hanno consumato il furto riuscendo però a dileguarsi poco prima del tempestivo intervento dei carabinieri.

Sono quindi scattate immediatamente le ricerche dei tre, già noti alle forze dell’ordine; uno di questi, un 30enne marocchino, è stato rintracciato presso la propria abitazione a Ventimiglia Alta. Perquisendo l’appartamento, i carabinieri hanno rinvenuto un quantitativo consistente di merce asportata presso il Best Shop: 10 trolley tutti colmi di capi di abbigliamento, materiale informatico e oggettistica varia per un valore commerciale complessivo di 20mila euro.

Le ricerche del secondo, un 31enne algerino senza fissa dimora, sviluppate presso i luoghi da lui abitualmente frequentati, hanno invece permesso di identificare un ulteriore soggetto nordafricano, un 27enne proveniente dal Marocco che, rifugiatosi presso uno stabile abbandonato nei pressi della chiesa di San Michele a Ventimiglia Alta, è stato sorpreso custodire ulteriore refurtiva: un hoverboard e altri 4 trolley anch’essi pieni di capi di abbigliamento e materiale vario.
Nella serata di ieri, presso lo stesso stabile, anche il 31enne algerino è stato rintracciato e accompagnato per i dovuti accertamenti in caserma.

Sempre in serata, ulteriori accertamenti hanno permesso di identificare  anche il quarto componente della banda, un 17enne di nazionalità romena che, nonostante il tentativo di far perdere le proprie tracce, è stato identificato nel corso della scorsa notte e deferito all’autorità giudiziaria minorile di Genova.
Quest’ultimo, insieme al 31enne algerino e al 30enne marocchino, è stato denunciato in stato di libertà per il furto aggravato commesso unitamente al giovane romeno arrestato la scorsa notte, mentre il 27enne marocchino è stato denunciato per il reato di ricettazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.