Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ventimiglia, campo al Parco Roja aperto solo a chi lascia impronte digitali a polizia foto

Molti gli stranieri che scelgono di bivaccare in città per non farsi identificare

Ventimiglia. Da qualche settimana il campo di accoglienza per migranti allestito al Parco Roja dalle Prefettura e gestito dalla Croce Rossa ospita solo gli stranieri che accettano di farsi identificare. La conferma arriva dai responsabili del centro. “Tutti le persone che sono sbarcate a Lampedusa”, spiega Fiamma Coiolo della CRI Liguria, “Hanno già lasciato le loro impronte digitali in Sicilia. Si tratta di una formalità”.

Di fatto, dunque, per accedere al campo è necessario lasciare le proprie impronte digitali ed espletare tutte le procedure di identificazione, come era previsto già per il primo campo allestito a Ventimiglia, quello in piazza Cesare Battisti, a fianco della stazione ferroviaria.

All’interno del campo al Parco Roja è presente un presidio fisso della polizia che ha il compito di raccogliere i dati degli stranieri che vi accedono. Chi non vuole farsi identificare cerca un rifugio altrove, bivaccando in stazione o in altri luoghi, in attesa di riuscire ad attraversare il confine italo-francese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.