Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Al Tribunale inter diocesano ligure gestite 35 cause canoniche in un anno

Le cause di nullità sono poche, rispetto al totale delle separazioni e dei divorzi dichiarati dai tribunali civili liguri

Imperia.  Al Tribunale ecclesiastico inter-diocesano ligure, le cause in carico al 1° gennaio sono 13. Durante il 2016, ne sono pervenute 22, mentre ne sono state gestite 35; 11 con istruttoria chiusa, 1 archiviata e 22 in carico al 31 dicembre. In totale, 171 persone sono state interessate in audizioni giudiziali. Dati che sono stati resi pubblici dal vicario giudiziale aggiunto del Tribunale inter diocesano Ligure e vicario della diocesi di Albenga e Imperia don Bruno Scarpino.

Ad Albenga, in particolare, operano due sezioni del Tribunale ecclesiastico: quella inter diocesana, che dipende dai vescovi delle diocesi liguri e istruisce le cause di nullità matrimoniali dei residenti della Riviera ligure di ponente. L’altra sezione è invece quella del tribunale diocesano, che tratta i casi riservati al vescovo di Albenga-Imperia Guglielmo Borghetti.

Don Scarpino, nel diffondere i dati,  propone anche alcune riflessioni, partendo dal cambio del nome del tribunale, che, a causa della decisione da parte del vescovo di Ventimiglia-San Remo, di gestire in autonomia le cause di nullità matrimoniale, in base al “motu proprio” di papa Francesco, non si potrà più parlare di tribunale regionale, ma si opererà in maniera inter diocesana, avendo presente il “principio di prossimità tra il giudice e le parti» e assicurando nel contempo che chiunque, parte o testimone, possa partecipare al processo col minimo dispendio”.

Una osservazione che emerge nel 2016, è che le cause canoniche di nullità sono poche, rispetto al totale delle separazioni e dei divorzi dichiarati dai tribunali civili liguri probabilmente a causa della disinformazione. Esistono pertanto margini per ampliare il servizio pastorale, avendo presente che la causa di nullità non è il “divorzio cattolico” e non si pone in concorrenza con la procedura statale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.