Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Isolamento sociale del cane, una forma di maltrattamento silenziosa

Il cane ha bisogno di sentirsi parte di un gruppo: è uno dei suoi bisogni primari

Avete mai provato a rimanere soli in un posto lontano da tutto e tutti? Nessun essere vivente nel raggio di chilometri, niente libri, tv, radio ma solo cibo e acqua strettamente necessari per mantenersi in vita? Dopo pochi giorni il silenzio diventa assordante e più il tempo passa più ci si sente smarriti, soli e infelici. Ogni rumore, anche lieve, ci mette in allerta.

Provate ora a prolungare questo periodo per mesi, anni o per tutta la vita e potrete immaginare cosa può provare un cane isolato dal suo gruppo sociale. L’isolamento sociale è una forma di maltrattamento che non lascia segni evidenti sul corpo ma ugualmente molto violenta. Cani isolati in campagna, relegati in giardino o chiusi in balcone, sono cani tristi.

Prendiamo per esempio un cane in una casa di campagna. Che cosa gli manca? Il proprietario porta cibo in abbondanza ogni due giorni e l’acqua non manca mai. Ha una tettoia sotto la quale può ripararsi e un terreno immenso dove potersi divertire. Credete che sia un cane felice? Anche se teniamo il cane in un luogo che sappiamo essere “sicuro”, il cane non è della stessa opinione. Non c’è sicurezza a stare da soli e non è una scelta che il cane farebbe mai.

Il cane ha bisogno di sentirsi parte di un gruppo, è uno dei suoi bisogni primari (approfondisci qui: https://www.riviera24.it/2016/10/come-essere-un-buon-leader-per-il-proprio-cane-236969/ ). Privarlo di ciò provoca inevitabilmente degli squilibri a livello psico-fisico causando stati di ansia, depressione e problemi di salute anche gravi.

La cosa ancora più grave è che nella maggior parte dei casi l’isolamento sociale arriva dopo un periodo di tempo vissuto in casa. Il cane sporca, perde il pelo, fa i bisogni in casa, rovina i mobili o le nostre cose, la gestione diventa un disastro e nella migliore delle ipotesi si decide di relegarlo in giardino, ma tutto questo solo perché lui si comporta da cane.

Un giardino, uno spazio esterno, una campagna, sono tutti luoghi fantastici dove trascorrere del tempo insieme al cane ma non devono mai diventare la “casa” del cane.

Un incredibile vantaggio, oltre a tutti gli altri, del tenere il cane in casa è quello del tempo che trascorrerai con lui. E’ vero che la qualità è fondamentale ma la quantità non è da meno. Più tempo trascorrerai con lui e migliore sarà la vostra relazione. Anche senza fare nulla, solo il fatto di stare vicino a te lo farà sentire parte della famiglia, più sicuro. Il cane ha bisogno di condividere con te odori, spazi, emozioni.

Quindi prima di prendere un cane pensiamoci bene, facciamoci un’idea più chiara possibile di cosa ci dobbiamo aspettare per i prossimi anni da questa convivenza. Affidiamoci a un buon educatore cinofilo che ha anche il compito e le competenze per indicarci, non solo che tipo di cane prendere in base al nostro stile di vita, ma anche di informarci dettagliatamente su quale sia l’impegno che comporta la vita con un cane.

 

Educatore cinofilo Luca Suman

http://evoluzionecinofila.blogspot.it/

evoluzionecinofila@gmail.com

https://www.facebook.com/Mal%C3%B9-Evoluzione-Cinofila–1708915962681066/?fref=ts

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.