Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Matrimonio bianco: un disagio nella coppia

Per matrimonio bianco intendiamo una situazione in cui le coppie, nella loro vita relazionale, non “consumano” e non hanno rapporti completi

Sono unioni particolari dove entrambi i componenti hanno grandi difficoltà ad intraprendere un percorso sessuale legato all’attività di tipo coitale. In molti casi il problema emerge quando la coppia desidera un figlio e ci si rende conto che senza sessualità è difficile realizzare questo sogno, prendendo coscienza che “qualcosa non va”, percependo una maggiore difficoltà nel riconoscersi una coppia a tutti gli effetti.

Può sembrare strano al giorno d’oggi, ma il numero stimato di situazioni matrimoniali o di coppia nelle quali non c’è la penetrazione è alto e si stima raggiunga migliaia di casi in Italia, molti dei quali restano nascosti per pudore.

Riuscire a sentirsi coppia senza il naturale compimento dell’atto sessuale è una situazione difficile che fa sorgere una condizione di frustrazione legata al senso di “fallimento” del proprio status sociale per non essere in grado, nel privato, di realizzare l’unione in senso compiuto, cosa che parrebbe normale e scontata.

In tutto questo subentra il silenzio. Silenzio che porta i due coniugi ad un patto “di mutuo soccorso” che mantiene celato il problema e crea da una parte un legame di aiuto reciproco e dall’altra isola e allontana sempre di più la coppia. Le coppie tendono ad isolare questo tipo di problematica non parlandone con nessuno per vergogna ed imbarazzo, creando un circolo vizioso che mantiene nel tempo il disagio nell’intimita’, progressivamente evitata perche’ insoddisfacente e non completa. Il piacere sessuale in questa coppia non e’ mai stato veramente ricercato, al massimo concepito solo nella riduttivita’ dei comportamenti preliminari. Infatti il “matrimonio bianco” è motivo di una forte frustrazione essendo consapevoli che vi è una forte mancanza nella propria vita.

Le cause principali nella donna possono essere legate al vaginismo, ovvero l’impossibilità della donna di accettare che qualcosa entri nella sua vagina a causa di una contrattura involontaria e spasmodica dei muscoli perineali che impedirebbe la penetrazione; la fobia del sesso, legata all’incapacità di lasciarsi andare pensando al sesso come ad un atto immorale, sporco, di scarsa fiducia verso gli uomini; ansia e traumi di natura sessuale o un educazione di natura sessuofobica.

Nell’uomo le cause principali, rilevanti per casistica, sono la disfunzione erettile e l’eiaculazione precoce che impediscono la penetrazione. Le difficoltà di erezione possono, in alcuni casi, celare un vissuto omossesuale non accettato. In tutto questo la sessualità “moderna” più consapevole ma anche più preoccupata di “dover fare e fare bene ad ogni costo” non aiuta il superamento di quei timori, insicurezze, angosce piuttosto frequenti nei maschi di oggi. Vi sono inoltre la cause miste dove dopo lo scioglimento del matrimonio bianco i due membri della coppia riescono ad avere rapporti soddisfacenti con altri partner, questo significa che entrambi avevano un comportamento “collaborativo” nel mantenere il sintomo.

Come si può uscire da un matrimonio bianco? Attraverso un percorso di psicoterapia di coppia che diventa sostegno e un’opportunita’ volta a riscoprire il significato di una nuova affettivita’ e sessualita’, libera da pregiudizi, con un atteggiamento di chi puo’ progressivamente fidarsi e affidarsi, quindi anche all’incontro con il corpo dell’altro. Imparare ad esplorare il proprio corpo per conoscersi meglio e l’autoerotismo possono essere strumenti validi per liberarsi dai tabù, e accrescere il vissuto personale ricco di novità e interesse psicocorporeo volto ad eliminare errori cognitivi, facilitando così la comunicazione affettiva ed emozionale e infondere fiducia in sé stessi.

Dott.ssa Daniela Lazzarotti

www.danielalazzarotti.com

www.facebook.com/dottoressalazzarotti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.