Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Le Province liguri chiedono un incontro urgente con il presidente della Regione Liguria

Un incontro urgente con il presidente Giovanni Toti per risolvere subito importanti questioni visto che è a rischio la salvaguardia dei servizi ai cittadini e la tutela del territorio

Genova. Un incontro urgente con il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti per risolvere subito importanti questioni pendenti, imprescindibili per la salvaguardia dei servizi fondamentali ai cittadini e la tutela del territorio. È questa la richiesta delle tre Province liguri di Savona, Imperia e La Spezia, rappresentate da ANCI Liguria.

La richiesta assume carattere di straordinaria urgenza in considerazione della fase di definizione dei bilanci e delle prossime Conferenze Nazionali.

“Auspichiamo che l’incontro con il presidente Toti possa dare un decisivo contributo per garantire la tutela dei servizi fondamentali ai cittadini, che, insieme alla Regione Liguria secondo le rispettive competenze, vogliamo assicurare – ha commentato Fabio Natta, presidente della Provincia di Imperia. – È necessario che ciascuno si assuma le proprie responsabilità. Per parte nostra abbiamo intrapreso ogni azione finalizzata a garantire la tenuta dei conti in ordine”.

“Per continuare a garantire l’erogazione dei servizi fondamentali le Province hanno bisogno di sostegno economico – aggiunge Massimo Federici, presidente della Provincia della Spezia. – In tutta Italia le Regioni stanno intervenendo a supporto delle Province, a prescindere dalle rispettive appartenenze politiche. Anche in Liguria deve essere così”.

“Senza l’intervento della Regione non saremo in grado di chiudere i bilanci. Di conseguenza servizi essenziali quali viabilità provinciale ed edilizia scolastica si bloccheranno. Si creeranno quindi enormi disagi ai cittadini, e tutto questo per non voler accogliere le nostre istanze, che pur sono di lieve entità – conclude Monica Giuliano, presidente della Provincia di Savona. – Le Province hanno fatto la loro parte. Ora chiediamo che la Regione faccia la sua”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.