Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

L’autunno al Casinò di Sanremo: sei appuntamenti imperdibili. Aprono i Sonics Show e chiude Gino Paoli foto

E’ un cartellone articolato, ricco di ricercatezza e pieno di allegria. Un palinsesto di serate in cui si susseguono artisti davvero “top” che , negli anni, hanno segnato la storia della canzone italiana, dell’intrattenimento, del cabaret

Sanremo. Dopo aver salutato l’estate costellata da prestigiosi eventi che hanno visto protagonisti e interpreti del calibro di Patty Pravo, Annalisa, Enrico Bertolino, Jerry Calà e gli Stadio, Il Casinò presenta lo straordinario programma degli spettacoli autunnali.

E’ un cartellone articolato, ricco di ricercatezza e pieno di allegria. Un palinsesto di serate in cui si susseguono artisti davvero “top” che , negli anni, hanno segnato la storia della canzone italiana, dell’intrattenimento, del cabaret. Una serie di eventi mozzafiato, impreziositi anche dalle proposte scenografiche dal forte impatto visivo.

Sei appuntamenti che, da settembre a dicembre, si alternano negli spazi più glamour del Casinò: il Roof Garden, la splendida terrazza sotto le stelle appositamente allestito nella sua veste “coperta”. E il Teatro dell’Opera, lo storico palcoscenico inaugurato nel lontano 1905. Sei proposte ben diversificate che culmineranno con il magico spettacolo a sorpresa di Capodanno.

“Il calendario autunnale è la continuazione più che naturale degli eventi sin qui proposti, caratterizzati dall’originalità e dall’esclusività delle proposte, indirizzate ad un pubblico variegato ed esigente, che vogliamo continuare ad interessare e coinvolgere.“- sottolinea il Direttore Generale del Casinò , Giancarlo Prestinoni – “Proponiamo artisti come Luisa Corna, Teo Teocoli, Alez&Franz e Gino Paoli, una rosa di grandi nomi, vanto dell’intrattenimento italiano all’estero. Sono scelte significative, che denotano la grande attenzione del Casinò verso i suoi ospiti e la volontà di essere in linea con la sua storia di eleganza e di ricercatezza. Sei eventi, che ci accompagneranno sino a dicembre, quando festeggeremo il ponte di Sant’Ambrogio con uno dei cantautori italiani più amati: Gino Paoli. L’artista condividerà con i nostri ospiti i momenti più salienti dei suoi settant’anni di attività. Un evento che aprirà i festeggiamenti natalizi che culmineranno con la grande festa di Capodanno, che ci auguriamo possa consacrare la positività di questo 2016.”

“Al Casinò non splende solo l’estate ma anche l’autunno grazie anche a questo programma elettrizzante, capace di coinvolgere diversificate fasce di pubblico.”- afferma il consigliere del Cda del Casinò, Olmo Romeo - “Un calendario creato per soddisfare il piacere di trascorrere serate da ricordare sul nostro Roof Garden. Torneranno anche gli eventi a teatro con lo show di Ale&Franz, capace di far pensare prima ancora di divertire. Il programma autunnale si integra con i precedenti spettacoli, in linea con la nostra continua ricerca di centrare le aspettative dei nostri ospiti e di attrarre sempre nuovi visitatori. Siamo soddisfatti dell’immagine ludica che il nostro Casinò sta offrendo, rafforzando il suo brand e le sue potenzialità di accoglienza.”

Ecco il programma eventi settembre – dicembre del Casinò di Sanremo.

– 23 settembre – Roof Garden: Sonics Show acrobatico f-light
– 7 ottobre – Roof Garden: concerto di Luisa Corna
– 21 ottobre – Roof Garden: TheMagic Show con Luca Bono, Luca Regina e Michele Cafaggi
– 4 novembre – Roof Garden: Teo Teocoli
– 19 novembre – Teatro dell’Opera: Ale&Franz – Tanti Lati Latitanti
– 9 dicembre – Roof Garden. Concerto di Gino Paoli

Per info sugli spettacoli : 0184.595257

VENERDÍ 7 OTTOBRE 2016 – Roof Garden

LUISA CORNA – CONCERTO LIVE

Artista completa, Luisa Corna si propone in questa circostanza sul palco del Roof nelle vesti di cantante, insieme ad una affiatata band.
Conduttrice televisiva, attrice e modella italiana, inizia da giovanissima a posare per prestigiosi fotografi (Fabrizio Ferri, Helmut Newton) e ben presto calca le passerelle di alcuni tra i più importanti stilisti, ma la sua passione predominante si rivela fin da subito la musica. Studia canto e solfeggio al C.P.M. di Milano e successivamente prosegue la sua formazione con vari insegnanti privati.
Appena diciottenne, Luisa inizia ad esibirsi con il suo gruppo in alcuni club nella zona di Milano e Como e alla fine degli anni ’80 affianca come corista Miguel Bosè.
Con la sua voce, potente e calda, duetta con personaggi del calibro di Dionne Warwick, Gloria Gaynor, Salomon Burke e The Supremes. Nel 1992 partecipa a “Castrocaro”, classificandosi al secondo posto con il brano ”Dove vanno a finire gli amori”.
La musica è sempre presente nella sua vita. Nel 2002 partecipa al “Festival di Sanremo” in coppia con Fausto Leali, conquistando il 4° posto con il brano dal titolo “Ora che ho bisogno di te”.
Artista professionalmente legata alla città di Sanremo, dal teatro Ariston conduce, al fianco di Michele Cucuzza e Massimo Lopez, “Sanremo si nasce“(Rai 1), trasmissione che ripropone i grandi artisti della musica Italiana e, sempre dall’Ariston, le due edizioni del premio “Campioni per sempre“(Rai 1), programma televisivo che consacra i migliori atleti Italiani che si sono particolarmente distinti nelle loro discipline sportive.
Il 2005 è l’anno di pubblicazione del singolo “Colpa Mia”, di cui è interprete e autrice, realizzato con la collaborazione di Gatto Panceri, che anticipa la pubblicazione del suo primo lavoro “Acqua futura”, in cui Luisa si sperimenta come cantautrice. Renato Zero scrive per lei il brano dal titolo “L’ultima luna”.
Al disco segue una tournée, e il pubblico e la stampa dimostrano un notevole apprezzamento. In tour, oltre ai suoi brani, propone una carrellata di canzoni attinte dal repertorio di altri interpreti con i quali ha collaborato. Il risultato è un mix coinvolgente che passa dal soul degli anni ‘70 alle più intense canzoni Italiane.
Nell’estate 2010 esce ”Voci” (dall’originale “Voices”, di Russ Ballard) e nell’ottobre dello stesso anno, il brano “2 Sillabe”, con la collaborazione artistica di Alex Britti, scritto da Luisa e Riccardo Bonfadini.
I due singoli anticipano l’uscita del nuovo disco “Non si vive in silenzio” (brano di Gino Paoli del 1972 che viene riproposto in una nuova versione): gli arrangiamenti sono curati da Roberto Giribardi, e la Corna è autrice delle cover straniere rivisitate con nuovi testi in italiano e di brani inediti.
Nell’estate del 2011 parte il relativo tour, con oltre 40 spettacoli realizzati in tutta Italia, e prosegue anche nell’estate successiva, ottendendo un grande riscontro di spettatori.
Durante le festività del Natale 2011 e 2012, Luisa si esibisce in un tour di dieci concerti nelle Chiese della Capitale, accompagnata dal “Coro Gospel Free Armony Voices”: un viaggio suggestivo ed emozionante nella spiritualità della cultura gospel afroamericana e dei canti religiosi italiani.
Nel 2013, la Corna si concentra su nuovi progetti musicali, esplorando vari generi musicali e collaborando con artisti e musicisti italiani ed internazionali, realizzando un lavoro fortemente personale.
“Tutto e niente” è il brano che segna il primo capitolo dl nuovo progetto discografico con la Joe & Joe.
Oggi più che mai è sempre la musica ad essere protagonista nella sua vita.
Venerdì 7 ottobre, in un concerto esclusivo per il Casinò di Sanremo, regalerà un vero viaggio nella musica italiana di sempre, speziato da incursioni nel soul delle regine Tina Turner, Whitney Houston, Aretha Franklin, etc. …
Uno show destinato a creare forte empatia e ascolto, in un coinvolgimento crescente del pubblico.
VENERDÍ 21 OTTOBRE 2016 – Roof Garden

THE MAGIC NIGHT SHOW
con LUCA BONO, MICHELE CAFAGGI, LUCA REGINA

Un grande show dedicato alla magia e all’intrattenimento nelle sue più varie e stupefacenti declinazioni. “The Magic night show” vedrà alternarsi sul palco del Roof, tre artisti di fama internazionale che hanno saputo distinguersi per talento ed originalità.
Protagonista clou della serata, il giovane talento Luca Bono, incoronato a soli 17 anni “Campione Italiano di Magia 2010” ed attuale artista prediletto di Arturo Brachetti, che segue nelle tournée mondiali: l’ultima, con lo spettacolo “Brachetti che sorpresa!”, durata 2 anni e conclusasi a inizio 2016, vanta un totale di 140 repliche e oltre 150.000 biglietti venduti solo in Italia.
Luca si affaccia alla magia quasi per caso e nell’arco di pochissimi anni brucia le tappe trovandosi a lavorare con illusionisti e artisti del palcoscenico di consolidata esperienza provenienti da tutto il mondo.
Numerose le sue esibizioni televisive sulle principali reti nazionali, da “Domenica In” a “ Quelli che il Calcio”, da “I Fatti Vostri” a “Mistero”, da “Mattino 5” a “Si Può Fare!”.
Unico italiano in finale, partecipa inoltre alla trasmissione televisiva “La Grande Magia” su Canale5, che vede i migliori prestigiatori mondiali in competizione. Diversi i riconoscimenti di pregio internazionale: nel 2012 prende parte al “Campionato del Mondo di Magia” in Inghilterra e nello stesso anno, è ospite della celebre trasmissione ”Le plus grand cabaret du monde”, vero punto d’orgoglio per ogni artista, conquistando la standing ovation del pubblico, e viene premiato a Parigi, con il “Mandrake d’Or”, il premio Oscar degli illusionisti, assegnato ai migliori performer dell’anno valutati e scelti in tutto il mondo.
Ad affiancare questa giovane promessa della magia, Luca Regina, straordinario performer dalla lunga esperienza in teatro e cabaret di tutto il mondo, con i suoi numeri all’ insegna del buonumore:
La sua formazione inizia negli anni ’90 in Germania e Russia, con workshop e corsi nelle scuole di circo più importanti, prosegue con prestigiosi stage con grandi maestri della clowerie come Jango Edward, per arrivare al diploma nel 2009 al Nouveau Clown Institute di Barcellona.
Vero e proprio showman a 360 gradi, accompagnerà il pubblico nella serata tra risate ed emozioni, con il suo show all’insegna di magia, giocoleria, equilibrismo, improvvisazione e soprattutto di un’ironia coinvolgente.
Infine, uno spettacolo unico, per la prima volta in esclusiva sul palco del Roof.
Il maestro e precursore italiano della Bubble art, Michele Cafaggi, arriva a Sanremo con il suo suggestivo “Ouverture des saponettes”: giganti bolle di sapone create a regola d’arte si liberano nell’aria in un racconto visuale e musicale senza parole che trae ispirazione dalle atmosfere circensi e del varietà. Uno spettacolo poetico dall’ atmosfera magica, ricco di colpi di scena e numeri stupefacenti, che attualmente conta circa 1000 repliche, ed è stato rappresentato in teatri e festival nazionali e internazionali (Francia, Irlanda, Belgio, Svizzera, Grecia, Giappone, Cina, Corea del Sud).
Cafaggi ha studiato in Italia e in Francia con Jango Edwards, Quelli di Grock, Philippe Gaulier, Marcel Marceau, Philippe Radice, presso L’Ecole Nazionale du cirque Fratellini, la Scuola di Arti Circensi della Sala Fontana e la Lega Italiana di Improvvisazione Teatrale.
Con le sue esibizioni ha preso parte al tour italiano “Anime Salve” di Fabrizio de Andrè (’97), al Giro d’Italia 2005 – 2006, ai programmi televisivi “Paperissima” (Canale5), “Solletico”(Rai2), “I soliti ignoti” (Rai 1), “Circo Massimo Show” (Rai 3), “Mattina in famiglia” (Rai 1), etc.. È mimo, clown e giocoliere ed è stato il primo artista in Italia a creare uno spettacolo interamente dedicato all’arte delle bolle di sapone.
VENERDÍ 4 NOVEMBRE 2016 – Roof Garden

TEO TEOCOLI – SHOW

Lo show di Teocoli è un viaggio nel cabaret di qualità, in quel cabaret degli anni d’oro del “Derby”, lo storico locale milanese della comicità italiana di cui Teo è stato una delle figure più note.
Attraverso i suoi racconti esilaranti e gli aneddoti più divertenti della sua vita, interrotti continuamente dalle risate del pubblico, l’artista milanese si rivela “unico ed irripetibile” nel suo inimitabile one-man-show.
In ogni suo spettacolo, da nord a sud, è un misurarsi con la sua arte, con la capacità di fare dei suoi monologhi un momento di alto umorismo, di uscire ed entrare nei tanti personaggi che interpreta. Un grande artista, indubbio protagonista della storia della tv e della comicità italiana, torna alla ribalta con un nuovo ed esuberante spettacolo.

SABATO 19 NOVEMBRE – Teatro dell’Opera del Casinò

ALE & FRANZ in “TANTI LATI LATITANTI”
Regia di Alberto Ferrari
Scritto da Alessandro Besentini, Francesco Villa e Antonio De Santis
Produzione ITC2000

Tra le realtà comiche italiane da molti anni ormai, sono considerati nel novero dei più geniali e interessanti. Il celebre duo, formato da Alessandro Besentini e Francesco Villa, si incontra nel 1992 al CTA (Centro Teatro Attivo di Milano). Il loro sodalizio artistico debutta nel ’97 con lo spettacolo “Dalla A alla Z”, regia di Paola Galassi; in seguito i due partecipano a numerosi programmi televisivi, fra cui “Seven Show”, “Pippo Chennedy Show”, “Mai dire gol”, “Convenscion”. La consacrazione al grande pubblico arriva con la trasmissione “Zelig”, nel ’99 e da allora è stato un susseguirsi di successi. La loro carriera non si limita al piccolo schermo: in ambito cinematografico appaiono, tra gli altri, nel film “La grande prugna” di Claudio Malaponti, e nel 2004 iniziano le riprese del primo film da protagonisti “La terza stella” per la regia dello stesso Ferrari. Il 2007 li vede nuovamente protagonisti in “Mi fido di te”, con la regia di Massimo Venier. Per Mondadori hanno pubblicato i libri “E Larry? È morto”, “È tanto che aspetti?” e “Ale e Franz live”. Dal 2007 sono protagonisti del programma “Buona la prima!”, dove recitano a soggetto, su suggerimenti estemporanei dei vari ospiti. La loro cifra fonde ironia surreale, atmosfere jazz e improvvisazione: una comicità basata sul dialogo, usato per creare e ribaltare le situazioni più svariate, con battute brevi e d’effetto, che ammiccano sapientemente al nonsense. Il loro percorso teatrale, raffinato nel corso degli anni secondo i dettami di una comicità stralunata quanto acuta, va – quasi alla stregua di moderni guitti votati a rinnovare l’antica commedia dell’arte – dalla classica maschera alla gigioneggiante clownerie, dal comico al tragico, per finire alla mimica. Il loro ultimo spettacolo, “Tanti lati latitanti”, con la regia di Alberto Ferrari, nuovamente rinnova il loro grande talento in una felice e ovviamente umoristica analisi sulle relazioni umane nel terzo millennio. Per la prima volta in scena a Sanremo, sul palco del Teatro dell’Opera del Casinò, il testo, scritto insieme ad Antonio De Santis, mette a nudo in modo divertente e scanzonato l’intricata rete di ragionamenti che ci costruiamo nel portare avanti ogni rapporto interpersonale.
“Si tratta di uno spettacolo tutto nuovo – racconta Ale – in cui sono rappresentati tanti incontri in luoghi diversi. In due sul palco proviamo a portare al paradosso alcune situazioni proponendo diversi quadretti collegati da un unico filo conduttore. E’ uno spettacolo molto comico che il pubblico sta apprezzando molto e di questo siamo particolarmente felici”.
“Abbiamo inanellato – continua Besentini – una serie di storie che raccontano l’uomo: si va dai vecchietti che giocano a bocce, al fedele che in chiesa accende un cero a un santo a cui chiedere aiuto… storie che hanno azioni e controreazioni, in modo da svelare gli aspetti più divertenti, storie con al centro l’uomo, legate tra loro da una serie di intermezzi, un leit-motiv che alla fine riserverà una sorpresa allo spettatore”.
In scena stavolta non ci sarà la celebre panchina dei loro esordi ma un albero beckettiano e un grande schermo dove verranno proiettate opere d’arte in cui Ale e Franz si inseriranno.
“Del resto, come il titolo dello spettacolo – spiega il regista Alberto Ferrari – nell’uomo ci sono tanti lati e Ale e Franz vanno a cercare quelli più strani e folli”.
L’inesauribile materiale umano è sempre il punto di partenza da cui tutto nasce. Lati tanti e tanti uomini in scena. Uomini che ci faranno ridere con la loro unicità e umanità. Lati tanti – Tanti lati in cui riconoscersi e fingere di non vedere che siamo proprio noi questi uomini, con i modi di vivere, di pensare, i tic e le ingenuità e le virtù. Uno spettacolo per vedersi allo specchio, riconoscersi e ridere, tanto, di gusto insieme.
VENERDÍ 9 DICEMBRE – Roof Garden

GINO PAOLI – CONCERTO LIVE

Un cantautore che ha scritto alcune tra le più belle pagine della musica italiana.
Celebrati da poco i cinquant’anni di carriera, Gino Paoli torna ad emozionare dal vivo con la sua voce unica ed avvolgente.
Originario di Monfalcone, è a Genova, dove si è trasferito da bambino, che Gino Paoli – dopo aver fatto il facchino, il grafico pubblicitario e il pittore – debutta come cantante da balera, per poi formare un band musicale con gli amici Luigi Tenco e Bruno Lauzi.
Quando la gloriosa casa discografica Ricordi, che aveva tenuto a battesimo Bellini e Donizetti, Verdi e Puccini, decide di estendere la propria attività alla musica leggera, scrittura quel cantante dalla voce unica e particolare, oggi riconosciuto come uno dei più grandi rappresentanti della musica leggera italiana degli anni sessanta e settanta.
Paoli nel corso della sua ricca carriera ha collaborato con numerosi colleghi alla realizzazione di album e di singoli di successo e inoltre ha composto musiche per colonne sonore di film.
Ancora oggi, oltre a essere cantautore impareggiabile, si conferma autore e interprete di grande classe e qualità, in grado di percorrere strade artistiche nuove. Pochi sanno presentarsi al pubblico, in teatro o in tv, con la sobrietà, il distacco e l’eleganza che gli sono abituali.
Ha partecipato per scelta solo a cinque Festival di Sanremo (1961 con “Un uomo vivo” in coppia con Tony Dallara, 1964 con “Ieri ho incontrato mia madre” cantata con Antonio Prieto, 1966 con la “La carta vincente” cantata con Ricardo, 1989 con “Questa volta no” e nel 2002 con “Un altro amore” classificatasi al terzo posto). Nel 2004 vince il Premio alla carriera che gli è stato consegnato proprio ul palco dell’Ariston e nel Festival precedente aveva fatto parte della “giuria di qualità”. Nel 2009 ritorna nella città dei fiori per duettare con Malika Ayane e farle da “padrino”.
Oltre agli impegni dal vivo, Gino Paoli è attualmente tornato in studio con Danilo Rea per lavorare al terzo capitolo della loro avventura musicale in duo, dopo i fortunati “Due come noi che” e “Napoli con amore”. La “coppia di fatto della musica italiana” – come Gino con ironia definisce il suo sodalizio artistico con Rea – sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sperimentazioni musicali, arricchisce la sua produzione con un nuovo disco dedicato ai capolavori della musica francese, la cui uscita è prevista in autunno.
Artista in perpetuo movimento ed evoluzione, con più di 50 anni di carriera alle spalle e la voglia di continuare a sperimentare, Gino Paoli prosegue il suo viaggio sui palchi italiani con un fitto calendario di spettacoli live.
Nel corso della serata, l’artista riproporrà, in una speciale rilettura pop acustica, i suoi brani più popolari e amati dal pubblico. Pezzi unici, universali e preziosi che restano nel tempo e toccano in modo trasversale diverse generazioni, traguardi indimenticabili di un percorso artistico davvero straordinario. Il concerto del 9 dicembre al Roof Garden del Casinò di Sanremo, si preannuncia come una emozionante immersione in questo cammino; espressione a tutto tondo dell’artista e della persona, con una band che vedrà Riccardo Cavalieri alle chitarre, Marco Caudai al basso, Dario Picone alle tastiere e pianoforte, Vittorio Riva alla batteria e Salvatore Piedepalumbo alla fisarmonica accompagnare Gino Paoli attraverso una scaletta ricca di ri-arrangiamenti da brivido. Brani che hanno emozionato e fanno cantare intere generazioni, tra gli altri: “La Gatta”, “Sapore di sale”, “Sassi”, “Averti addosso”, “Il cielo in una stanza”, “Questione di sopravvivenza”, “Che cosa c’è”, “Una lunga storia d’amore”, “Vivere ancora” e “Albergo a ore”, fino alle recenti “Il nome”, “Il buco”, “L’uomo che vendeva domande” e “Due vite”.
Un vero viaggio nella storia musicale di uno degli artisti più apprezzati ed influenti del nostro paese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.