Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

La Lega del Cane di Ventimiglia chiede sovvenzioni

"Noi non riceviamo nessun contributo da parte delle Amministrazioni Comunali, e finora abbiamo portato avanti la nostra attività solo grazie alla generosità di persone amanti degli animali"

Più informazioni su

Ventimiglia. Scrive Danilo Rodà, presidente della locale Lega del Cane: “Siamo a conoscenza della Vostra sensibilità verso le problematiche sociali, fra le quali sicuramente ne fanno parte anche gli animali, e in modo particolare gli “amici di famiglia”, ossia cani e gatti.
La nostra sezione è nata nel lontano 1953, piano piano con l’aiuto di volontari e di sostenitori finanziari, abbiamo realizzato un canile- gattile, che attualmente ospita 111 cani e oltre 120 gatti.
Finalmente nell’opinione pubblica è sempre più presente che cani e gatti svolgono una funzione pubblica.
In modo particolare verso persone anziane e che magari vivono soli, persone affette da particolari malattie ed handicap, oltre che per i bambini.
I cani ora vengono introdotti in molti ospedali e casa di cura, svolgono attività di Pet Therapy ed in alcuni casi si fa attività anche nelle scuole per spiegare agli alunni l’importanza del rapporto persone-cani.
Molte di queste attività vengono svolte con educatori cinofili anche dalla nostra associazione con i cani del nostro canile a favore di diversamente abili, alunni nelle scuole ecc.
E’ stato anche dimostrato come i cani hanno svolto un azione fondamentale nello salvare le persone sotto le macerie del terremoto che ha colpito l’Italia centrale.

A febbraio u.s, in località Santa Croce di Camporosso (Imperia), un Signore è morto ed ha abbandonato su un terreno in collina ben 108 cani, creando una situazione molto difficile specialmente dal punto di vista economico. La nostra associazione è intervenuta in aiuto, microchippando i cani a proprio nome e tutt’ora di questi cani ne restano una cinquantina, mentre il resto fortunatamente, è stato adottato da famiglie amorevoli.
Purtroppo però, molti di quelli che restano sono ammalati di leishmaniosi, sono molto diffidenti e non si fanno avvicinare e quindi non si prospetta per loro un facile adozione.
Noi non riceviamo nessun contributo da parte delle Amministrazioni Comunali, e finora abbiamo portato avanti la nostra attività solo grazie alla generosità di persone amanti degli animali.
Purtroppo però le spese sostenute per questi ultimi 108 cani, ci ha messo in una seria difficoltà e siamo giunto ad un limite che potrebbe anche determinare la chiusura del canile – gattile . E’ per questo motivo che ci rivogliamo a Voi, in quanto a conoscenza della Vostra sensibilità , Vi preghiamo se possibile, di inviarci una donazione che contribuirà a portare avanti la nostra attività.
Contando sul Vostro buon cuore, alleghiamo i dati utili per procedere ad un offerta.
Nel ringraziarVi anticipatamente, porgiamo distinti saluti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.