Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ventimiglia, ex tesoriere svuota il conto del centro culturale islamico. Licenziato l’Imam

E' lotta interna tra il gruppo capeggiato da Mohammed Babi e quello che appoggia il nuovo presidente del centro, Chakib Abdelhak

Ventimiglia. L’ex tesoriere del centro culturale “Fratellanza islamica” El Houssine Et-Taia ha svuotato il conto corrente dell’associazione, prelevando, nel giro di 24 ore, i 12mila euro raccolti attraverso le donazioni raccolte durante il “ramadan” e intascandone altri 4mila. E’ questa la denuncia, regolarmente presentata al commissariato di polizia di via Aprosio da Chakib Abdelhak, neoeletto presidente del centro.

Tutto è iniziato proprio il giorno delle elezioni (17 luglio) per il nuovo presidente del centro. A contendersi il titolo erano proprio El Houssine Et-Taia e  Chakib Abdelhak. La vittoria del secondo, conosciuto e apprezzato maestro di arti marziali da anni residente a Ventimiglia, non è stata digerita dal suo avversario. Eppure le elezioni sono state svolte con la massima trasparenza e con avviso pubblico affisso nel centro culturale. Da quel momento, però, sono iniziati i dissapori: Chakib è stato accusato di broglio. A rimetterci, però, è stato solo il centro culturale: “Ora a pregare non viene più nessuno. Non è giusto: stanno facendo di tutto per screditarmi”, denuncia il presidente.

Non resta fuori dalla contesa nemmeno l’Imam, Mohammed Babi, imparentato con l’ex tesoriere. Babi è accusato di essere un integralista (non voleva che le donne fossero ammesse alla preghiera né tanto meno che partecipassero al voto) e di non avere le capacità di unire le comunità: fatto, questo, per il quale è stato allontanato anche da Vicenza. Arrivato dieci mesi fa a Ventimiglia, Babi ha ricevuto ora la lettera di licenziamento: dovrà lasciare il suo incarico entro il 4 settembre. “Non abbiamo più fondi”, spiega Chakib, “Dopo che il conto è stato svuotato non c’è più nessuna possibilità di pagare lo stipendio dell’Imam”.

L’ultimo atto di forza di Et-Taia e della sua cerchia è accaduto solo pochi giorni fa: “Non pago di averci derubato”, spiega sempre Chakib, “L’ex tesoriere, insieme ad alcuni suoi compaesani, ha iniziato a terrorizzare i nuovi membri del consiglio ed è arrivato addirittura a rimuovere con la forza la serratura del centro culturale“. Per farlo, Et-Taia ha utilizzato martelli e tronchesine.

A far luce sui diversi episodi ci penserà la polizia: per il resto l’unico desiderio di Chakib Abdelhak e dei suoi sostenitori è “ristabilire la pace e la serenità di un tempo”. Spiega il presidente del centro culturale: “Siamo in una zona di confine, una zona difficile. Non ci sono mai stati problemi prima e non vogliamo che ora, per colpa di poche persone, si creino tensioni tra noi e i residenti. Abbiamo fondato il centro solo per poter pregare il venerdì e portare aiuto a chi ne ha bisogno”.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.