Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Unioni civili, Paita: “Destra oscurantista viola la legge e discrimina le coppie omosessuali”

Il capogruppo del Pd si esprime sulle unioni civili, a seguito della vicenda di Diano Marina

Liguria. Raffaella Paita, capogruppo Pd in Regione Liguria si esprime sulle unioni civili, a seguito della vicenda di Diano Marina: “Ormai non si tratta più soltanto di semplice e banale oscurantismo, ma di mancata applicazione di una legge dello Stato. La Lega Nord di Salvini e Rixi, che parla tanto di rispetto delle regole e di doveri quando si tratta di immigrazione, adesso si rifiuta, tramite i suoi amministratori locali, di celebrare le unioni civili tra persone dello stesso sesso.

Il sindaco di Diano Marina Chiappori purtroppo è un esempio perfetto di questa schizofrenia amministrativa, visto che, non solo non ha intenzionate di celebrare un’unione civile fra persone dello stesso sesso delegando il compito a un ufficiale dello Stato civile venendo meno ai propri doveri di primo cittadino, ma si permette persino di dettare le regole dei festeggiamenti della coppia, vietando il lancio di riso o fiori. Ma stiamo scherzando?

D’altra parte Chiappori è solo l’avanguardia di questo centrodestra illiberale e reazionario, visto che anche il sindaco di Savona Caprioglio, pur rinunciando ai toni aspri e spicci del suo collega di Diano Marina, ammette che celebrerà le unioni omosessuali “solo se obbligata”. Una frase odiosa e discriminatoria, che dimostra come Caprioglio non sia il sindaco di tutti i savonesi”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.