Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Tutti gli appuntamenti estivi di Sanremo

Da mercoledì 17 a lunedì 22 agosto

Più informazioni su

Sanremo. Di seguito gli appuntamenti estivi dell’assessorato al turismo, cultura e manifestazioni sino a lunedì 22 agosto (tutti gli eventi del mese di agosto su www.sanremomanifestazioni.it).

Oggi (mercoledì 17 agosto)

– dalle 18.30 alle 20, Forte di Santa Tecla: “Aspettando Unojazz”, concerto pomeridiani preludio agli spettacoli serali in Pian di Nave di “Unojazz Sanremo 2016”. Riccardo Zegna piano solo: uno dei più importanti e storici pianisti italiani. Una carriera ricchissima di collaborazioni con i più grandi jazzisti della scena internazionale come Buddy Tate, Lee Konitz, Steve Grossman, George Coleman, Pietro Tonolo, Gianpaolo Casati e tanti altri. Qui, in veste di piano solo, presenta il suo ultimo lavoro discografico dedicato al grande Thelonious Monk. Ingresso libero

– alle 21, Pian di Nave: “Unojazz Sanremo 2016”. Prima parte: STEFANO COCCO CANTINI 4tet. Il sassofonista Stefano “Cocco” Cantini presenta in anteprima un quartetto di respiro internazionale con Luigi Martinale al piano, il contrabassista russo Youri Goloubev e il batterista brasiliano Zaza Desiderio. Un connubio che partendo dalle origini e dalle esperienze variegate di ciascun componente, porta all’ascolto di una musica sottile, ricca di influenze dalle sfumature più varie. Stefano “Cocco” Cantini ha collaborato con alcuni tra i più grandi jazzisti (Chet Baker, Elvin Jones, Michel Petrucciani, Enrico Rava, Stefano Bollani) e pubblicato diversi lavori discografici (Toucan, Bobera) molto apprezzati dal pubblico e critica. Luigi Martinale, l’alter-ego del progetto ha una lunga carriera che l’ha portato sui palchi di tutto il mondo (Tel Aviv, Tokyo). Youri Goloubev è stato il più giovane contrabbasista ad aver ricevuto dal Governo russo il prestigioso titolo di “Artista ad Honorem della Federazione Russa”.Zaza Desiderio nato a Rio de Janeiro ha collaborato con alcuni dei più grandi nomi della tradizione brasiliana (Milton Nascimento, Philipe Baden Powel). Nel suo stile confluiscono dai vari ritmi della tradizione carioca ai moderni stilemi delle scuole di batteria più attuali. Stefano “Cocco” Cantini sassofono tenore e soprano, Luigi Martinale piano, Yuri Goloubev contrabbasso, Zaza Desiderio batteria.

Seconda parte: INCOGNITO Dal 1979, anno del debutto discografico degli Incognito con l’innovativo Jazz Funk, al loro ultimo progetto sono trascorsi trentasei anni, nei quali più di cento artisti si sono alternati nel gruppo. Tanti i brani indimenticabili della loro ricca discografia: Still A Friend Of Mine, Always There, Everyday, Nights Over Egypt, I Hear Your Name, Deep Waters e Colibrì, solo per citarne alcuni. “Amplified Soul” vede la partecipazione di Tony Momrelle, Vanessa Haynes e la nuova aggiunta Katie Leone, che forniscono alcune delle migliori performance vocali mai registrate dalla band. A loro si uniscono il leggendario cantante/cantautore Carleen Anderson e l’artista del Connecticut Deborah Bond, una delle fan preferite degli Incognito Imaani, nonché la voce fresca e del tutto nuova di una cantante soul australiana di 22 anni Chiara Hunter. Compaiono anche ospiti eccezionali quali il batterista dei Jamiroquai Nick Van Gelder, il fantastico sassofonista Nigel Hitchcock, il mago del sintetizzatore Ski Oakenfull, Roberto Quintero percussionista degli Elements Of Life, l’assiduo collaboratore degli Incognito Richard Bull e molti altri. Ingresso a pagamento. Info: www.unojazzsanremo.it

– alle 21.15, piazza San Siro: torneo di burraco

– alle 21.30 piazza Capitolo: Affabulando. Nel girovagare tra i più diversi spunti letterari, questa volta l’Accademia della Pigna vuole omaggiare un colosso della letteratura europea, William Shakespeare di cui ricorrono i 400 anni dalla morte. In quest’ottica torna a piazza Capitolo l’attrice veronese Beatrice Zuin che, affiancata dall’attore inglese Roger Tilbury, propone una selezione dalle opere teatrali del padre di Amleto che verranno declamate a due voci e im due lingue: in inglese e in traduzione italiana. Un’idea originale per fare cultura, per meditare su pensieri composti secoli fa da un geniale artista britannico, la cui identità è sempre stata oggetto di discussioni e ha sempre destato curiosità. Beatrice Zuin è un’attrice e regista teatrale che ha recentemente collaborato ad importanti progetti a tema come “Shakespeare in Veneto”, serie di seminari e spettacoli in città come Venezia, Padova, Verona e sul Lago di Garda. Ingresso libero

Giovedì 18

– dalle 18.30 alle 20, Forte di Santa Tecla: “Aspettando Unojazz”, concerto pomeridiani preludio agli spettacoli serali in Pian di Nave di “Unojazz Sanremo 2016”. Luigi Martinale piano solo. Classe 63′, più volte citato tra i migliori talenti dalla rivista “Musica Jazz”, tournée in Giappone, Israele e concerti con artisti del calibro di Tino Tracanna, Gianni Coscia, Paolo Fresu, Gianni Basso e Anne Ducros. In quest’occasione proporrà le composizioni di Arietis Aetas, album per piano solo che ha riscontrato molto successo all’estero, soprattutto nella terra del Sol Levante. Ingresso libero
­

– alle 21, Pian di Nave: “Unojazz Sanremo 2016”. ORCHESTRA SINFONICA di SANREMO diretta da MASSIMO NUNZI. Ospiti FRANCO AMBROSETTI, Mauro Battisti, Tony Arco, Fabrizio Bernasconi. “Franco’s favourites” è un progetto creato ad hoc per Franco Ambrosetti da Massimo Nunzi. Sono alcune composizioni che Ambrosetti ama in maniera particolare, legate al suo gusto e alla sua formazione. Nunzi è un ammiratore di Franco sin dalla sua giovinezza e ha raccolto con entusiasmo la proposta del Direttore artistico Antonio Faraò di realizzare un lavoro che si avvalesse dell’Orchestra Sinfonica. La prestigiosa compagine di Sanremo incontra quindi Franco Ambrosetti, il suo inimitabile stile trombettistico e le partiture di Nunzi, arrangiate appositamente per il Festival, in prima assoluta mondiale. Vi sono due brani originali di Ambrosetti e Nunzi e alcuni classici, fra cui un omaggio a Freddie Hubbard e a Sondheim, scelti da Franco e realizzati da Nunzi e un omaggio a Piazzolla realizzato da Maurizio Rolli. C’é anche una vera chicca visto che potremo ascoltare dal vivo per la prima volta tre partiture del grande e compianto arrangiatore Gianni Ferrio che, alcuni anni fa realizzò con Ambrosetti un disco mai suonato dal vivo. L’Orchestra Sinfonica di Sanremo sarà integrata da un trio jazz di eccellenza formato da Bernasconi al piano, Battisti al contrabbasso ed Arco alla batteria. Ingresso a pagamento. Info: www.unojazzsanremo.it

– dalle 21 alle 24, piazza S. Brigida (centro storico): Cinema sotto le stelle, “Le follie dell’imperatore” di Mark Dindal. Ingresso libero.

Venerdì 19

– dalle 18.30 alle 20, Forte di Santa Tecla: “Aspettando Unojazz”, concerto pomeridiani preludio agli spettacoli serali in Pian di Nave di “Unojazz Sanremo 2016”. Trio Footprints Formato da Fabio Gorlier al piano, Paolo Franciscone alla batteria, è nato nel 2015 per la realizzazione del disco Footprints del contrabbassista Francesco Bertone. Il repertorio proposto è in parte originale e in parte attinge ai grandi del piano jazz (Monk, Silver). Gruppo affiatato, i cui componenti hanno collaborazioni importanti e storiche con artisti del panorama nazionale ed internazionale. Ingresso libero.

– alle 21, Pian di Nave: “Unojazz Sanremo 2016”
Prima parte: LINGOMANIA. Nel 1986 l’uscita di Riverberi (per la lungimirante Gala records diretta da Luciano Linzi), segnò non solo l’atteso esordio discografico del già noto gruppo Lingomania ma anche una vera svolta nella produzione jazzistica italiana per la natura decisamente originale delle composizioni, l’alta qualità della produzione, l’estetica collettiva della band, la cover concept e, naturalmente, la bravura dei musicisti. Già votato miglior gruppo italiano nei referendum di Musica Jazz dell’84, ‘85, Lingomania si riaffermò nell’87 vincendo anche i referendum di Guitar Club dell’88 e’89. I musicisti protagonisti di quel lavoro (a parte la new entry di Falzone) hanno deciso di riunirsi nuovamente non solo per celebrare la musica di quel disco ma anche per proporre diversi inediti dell’epoca (di cui mantengono quello spirito, pur alla luce di una revisione odierna) e anche nuovi brani originali: testimonianza del loro più recente e altrettanto importante cammino individuale.
Maurizio Gianmarco sassofono, Giovanni Falzone tromba, Umberto Fiorentino chitarra, Furio Di Castri contrabbasso, Roberto Gatto batteria.

Seconda parte: TANIA MARIA. Tania Maria, internazionalmente conosciuta per la frizzante vocalità e il virtuosismo al pianoforte, propone una musica dalle molteplici sfaccettature, un insieme di stili, dalla samba al jazz, dal pop al corinho brasiliano, capace di dar vita a un suono unico, che ha saputo conquistare le platee di tutto il mondo. Tania Maria ha sviluppato negli anni uno stile molto singolare che l’ha resa unica, in cui la voce diventa un unicum con il pianoforte, creando un vortice di note e suggestioni, una ritmica travolgente ma sempre melodica. Suona il piano da quando aveva sette anni e a tredici era già la leader di un gruppo musicale. L’ascolto precoce, grazie al padre, di artisti come Oscar Peterson, Bill Evans, Luiz Eca, Sarah Vaughan, Anita O’Day, Tom Jobim e Milton Nascimento, l’ha portata verso una carriera contaminata da diversi generi: musica popolare brasiliana, afro-latina, pop e jazz-fusion, ma che si concretizzano in un modo di fare musica vivace e carico di personalità. Alcuni suoi brani come per esempio “Come With Me” o “Funky Tambourine” sono celebri al punto da esser divenuti pezzi abitualmente suonati nei jazz e soul club di tutta Europa, Giappone e Nord America. Tania Maria piano, Marc Bertaux basso, Hubert Colau batteria, Edmundo Carneiro percussioni. Ingresso a pagamento. Info: www.unojazzsanremo.it

– alle 21.15, piazza Borea d’Olmo, “E..state in centro”, mercatini creativi, laboratori, animazioni: il barattolo del mare

Sabato 20 agosto

– dalle 16, passeggiata pedonale Salvo d’Acquisto (zona Portosole): prova sprint per la Coppa Italia di skiroll

– dalle 18.30 alle 20, Forte di Santa Tecla: “Aspettando Unojazz”, concerto pomeridiani preludio agli spettacoli serali in Pian di Nave di “Unojazz Sanremo 2016”. Jazz in Duet: raffinato ed originalissimo duo di chitarre. Adriano Ghirardo e Stefano Ballerano, insieme ormai da quasi vent’anni, proseguono il loro personalissimo cammino artistico intrinseco di delicate atmosfere, attraverso l’esecuzione di brani originali o la rilettura di famose canzoni della tradizione di Brodway. Ingresso libero.

– alle 19, piazzetta dei Ferri (centro storico): Happy hour con l’autore con Francesco Basso “Un Vegano su Marte”. Ingresso libero.

– alle 21, Pian di Nave: “Unojazz Sanremo 2016”. Prima parte: DAVID LINX 4tet. È cantante, paroliere, compositore, produttore e polistrumentista, nato a Bruxelles nel marzo 1965. Il suo debutto risale al 1980 e da allora David Linx ha registrato più di quindici album, lavorando con grandi nomi della musica tra cui: Harry Edison, Johnny Griffin, Clark Terry, Slide Hampton e Marc Ducret. Nel 2005 David Linx viene nominato “cavaliere delle Arti e delle Lettere” dal Ministro della Cultura di Francia. Il suo “One Heart, Three Voice” ottiene il gran premio dell’Accademia di Charles Cros per il miglior disco jazz. Inoltre ha conseguito il premio dei musicisti europei dall’accademia del Jazz e il premio dell’Adami per l’insieme delle sue opere. David Linx voce, Diederik Wissels piano, Christophe Wallemme contrabbasso, Donald Kontomanou batteria.

Seconda parte: ALL STARS: Antonio Faraò, Joe Lovano, Didier Lockwood, Lars Danielsson, Lenny White. Un quintetto internazionale di “All Stars” illuminerà il palco del festival con un concerto di chiusura di altissimo livello.
Joe Lovano: il sassofonista Joe Lovano è sicuramente degno di figurare accanto ai suoi maestri: Ben Webster, John Coltrane, Joe Henderson. Un musicista di notevole spessore, universalmente apprezzato nel mondo del jazz, con alle spalle una carriera artistica ormai vastissima, ricca di esperienze e di riconoscimenti.

Didier Lockwood: in oltre 40 anni di carriera, Didier Lockwood, figlio spirituale di Stéphane Grapelli, si è spinto più in là di ogni altro nello sperimentare la magia del violino del jazz rock fusion.

Antonio Faraò: pianista ammirato da Herbie Hancock, ha suonato e registrato con i più prestigiosi artisti (Joe Lovano, Didier Lockwood, Miroslav Vitous, Jack Dejohnette, Chris Potter, Lee Konitz, Steve Grossman, Jeff “Tain” Watts). Il suo stile è inconfondibile: una brillantezza tecnica con un’impetuosa carica emotiva, una notevole vena compositiva e un travolgente senso ritmico.

Lars Danielsson: il bassista Lars Danielsson ha avuto una notevole carriera internazionale lavorando al fianco di artisti del calibro di Charles Lloyd e Brecker Brothers. È oggi considerato uno dei più rilevanti musicisti jazz europei.
Lenny White: considerato uno dei batteristi padri fondatori del genere fusion, White, nella sua lunga carriera, ha inciso pietre miliari della storia del Jazz come “Bitches Brew” di Miles Davis, “Red Clay” di Freddie Hubbard.
Joe Lovano sassofono, Didier Lockwood violino, Antonio Faraò piano, Lars Danielsson contrabbasso, Lenny White batteria. Ingresso a pagamento. Info: www.unojazzsanremo.it

– alle 21, piazza San Siro: rassegna teatro dialettale N. Sappia: “Articolo Quinto” di U. Palmerini (Gruppo Teatrale Don Bosco, Varazze). Ingresso libero.

– alle 21.15, piazza Borea d’Olmo: “E..state in centro”, mercatini creativi, laboratori, animazioni: il giro del mondo in ottanta magie.

Domenica 21 agosto

– dalle 9.30, passeggiata pedonale Salvo d’Acquisto (zona Portosole): prova in circuito con il metodo Gundersen per le categorie assolute (partenza e arrivo passeggiata pedonale Salvo d’Acquisto) per la Coppa Italia di skiroll

– alle 21.15, piazza San Siro: torneo di burraco.

– alle 21.15, piazza Borea d’Olmo: “E..state in centro”, mercatini creativi, laboratori, animazioni: alla scoperta dell’elemento terra.

Lunedì 22 agosto

– alle 21.15, piazza San Siro: concerto del cantante Giorgio Re. Ormai da cinque anni il cantautore presenta il repertorio rock-pop nelle piazze della Liguria raccogliendo donazioni in cambio dei suoi tre cd “Donne Da Favola”,  “Dichiarazioni D’Amore” e  l’ultimo lavoro “Amore Impossibile”. I fondi raccolti vengono sempre devoluti all’associazione NOI PER VOI per aiutare i bambini del reparto di oncologia. Giorgio Re ha chiamato per questo evento il pianista Luca Scherani (impegnato in diverse tournée internazionali con il gruppo Prog La Coscienza di Zeno), il batterista jazz Folco Fedele (RAI), il bassista Andrea Imelio, impegnati in diversi tour estivi con cantanti nazionali, e il chitarrista Andrea Maddalone (Renato Zero, Baglioni, Oxa, Paoli, NEW TROLLS e altri big della musica italiana). Durante la serata verranno proposti i brani dell’artista e alcuni pezzi rivisitati in versione rock di Fabrizio de Andrè. Lo spettacolo sarà un film musicale di due ore dove immagini e musica live si fonderanno in un inno all’amore per la vita.

Si ricorda sino al 2 ottobre, nel suggestivo Forte di Santa Tecla, la mostra “Tessuti d’artista. Arte e design nella produzione della MITA 1926-1976. Da Palazzo Ducale a Sanremo – Santa Tecla”.

Curata da Matteo Fochessati e Gianni Franzone in collaborazione con Federica Flore, l’esposizione è articolata in modo tale da ripercorrere l’intero arco di attività della MITA (Manifattura Italiana Tappeti Artistici, fondata a Genova Nervi da Mario Alberto Ponis e attiva fino alla metà degli anni Settanta che si è avvalsa della collaborazione di alcuni tra i più importanti architetti e artisti del Novecento) attraverso l’esposizione di bozzetti per foulard, stoffe campionarie, bozzetti per tappeti e tessuti, nonché l’arazzo in lana annodata di Enrico Paulucci dedicato al tema marinaresco: l’ ”Ormeggio”.

Il Comune di Sanremo contribuisce al percorso espositivo con due bozzetti per tessuto realizzati da Antonio Rubino (1980 – 1964) prestati gentilmente dalla famiglia erede, per mettere in luce, da un lato, il legame tra la città e gli artisti che l’hanno vissuta, dall’altro la cultura internazionale radicata sul territorio.

La mostra “Tessuti d’artista. Arte e design nella produzione della MITA 1926-1976. Da Palazzo Ducale a Sanremo – Santa Tecla” inaugura una partnership di altissima qualità con Genova, Palazzo Ducale e il Polo Museale della Liguria.

Si ringraziano per l’organizzazione il Museo Civico di Sanremo, la Banca del Tempo, l’Istituto di istruzione superiore “E.Ruffini – D.Aicardi” di Taggia.

Orari agosto: lunedì chiuso. Martedì – sabato 10-12/17-22. Domenica 17-22. Ingresso libero.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.