Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Tunisino e coltivatore di marijuana nei guai tra Sanremo e Imperia

Un arresto e una denuncia in due differenti interventi dei carabinieri della città dei fiori e di Diano Marina

Sanremo.I carabinieri della compagnia di Sanremo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Imperia, notificando la misura della custodia cautelare in carcere ad un trentunenne tunisino. Ad operare sono stati ancora una volta i carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di Sanremo.

L’ordinanza di aggravamento scaturisce da una serie di inosservanze e violazioni del divieto di dimora a cui l’uomo era sottoposto, a seguito delle quali i carabinieri hanno richiesto ed ottenuto un aggravamento della misura cautelare ed hanno quindi hanno arrestato il magrebino.
Il tunisino era sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Imperia a seguito del recente arresto per la rissa avvenuta all’esterno di un locale notturno di Sanremo.

La plurima inosservanza di tale misura ha portato l’autorità giudiziaria ad aggravare il provvedimento emettendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a cui i carabinieri hanno immediatamente dato esecuzione.

A Diano Marina, invece, i carabinieri hanno individuato in area nella zona Piani di Imperia un coltivaotre “in erba” di sostanza stupefacente. L’indagato è un trentottenne della provincia di Cuneo, che probabilmente vuoi per la sua condizione di disoccupato, vuoi per la sua inclinazione all’uso di stupefacenti, avrà pensato di cercare una scorciatoia che gli garantisse da una parte una costante fornitura di droga per il consumo personale e nel contempo una fonte, anche se illecita- di guadagno.

Il tutto ha preso le mosse dalla anomala cura con cui l’uomo cercava di coprire le proprie piante, ma la necessità di esporre al sole il raccolto unito all’acume investigativo dei militari della benemerita ha fatto emergere l’attività illecita in corso. durante le operazioni di perquisizione gli operanti hanno rinvenuto una pinata di circa 1,5 metri, alcune infiorescenze, frutto di precedente raccolto, in essicazione e qualche grammo di hashish.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.