Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Serie D: dopo più di dieci anni le liguri in Toscana. I commenti dei mister di Argentina e Unione Sanremo

Parlano l'armese Ascoli e il matuziano Riolfo

Più informazioni su

Nel Girone E di Serie D, a giocare in Toscana. Argentina e Unione Sanremo, quasi inaspettatamente, sono state collocate dalla Lega Nazionale Dilettanti la dove un imperiese mancava dal campionato di D 2004-2005 (Sanremese). Niente Girone A con piemontesi e qualche lombarda dunque, e le carte in tavola si mischiano, se non addirittura arrivano da qualche altro mazzo. Si perché il Girone E della quarta serie nazionale è il risultato della fusione di tre. Quello G è rappresentato solamente dal Grosseto, secondo l’anno scorso con il miglior attacco e trasferta più lontana, con i suoi 450 chilometri circa dalle compagini di D in provincia di Imperia. Poi c’è buona parte del vecchio Girone E: Gavorrano (e anche li sono più di 400 chilometri), Ghivizzano, Massese, Ponsacco, Real Forte Querceta e Viareggio. Nessuna di quest’ultime è una neopromossa, con Montecatini (seconda) Gavorrano e Ghivizzano ai play off la scorsa stagione, vinti poi dal Gavorrano per 2-1 contro il Valdinevole Montecatini. Ai play out era finita invece la Massese, salva dopo un tre a zero contro lo Scandicci.

“Non conosciamo ancora esattamente cosa ci aspetta dalle toscane, come loro non lo sanno delle liguri – a dirlo è Nicola Ascoli, allenatore dell’Argentina Arma – se nel nostro ci sono Unione Sanremo, noi e Savona a lottare per fare un bel campionato, da loro si può dire che faranno lo stesso Grosseto, Viareggio e Massese, nonostante le fatiche dell’anno prima. Poi ci sono le incognite come Gavorrano e Montecatini. Sarà un campionato da scoprire”

“Ci sono buone squadre nel Girone A come in quello E – spiega il mister dell’Unione Sanremo, Giancarlo Riolfo. Sicuramente è da parecchio che non si vede un girone tra liguri e toscane in Serie D. E questo ha colto chiunque un po’ di sorpresa. La differenza sta prima di tutto nella maggior distanza chilometrica da percorrere per giocare” Più che di valori in campo, che saranno in parte ancora da scoprire, l’allenatore dei matuziani pone l’accento sul blasone di alcuni “nuovi” avversari: “Ci sono il Grosseto, la Massese e il Viareggio che sono società storiche.  Altre come Jolly Montemurlo e Montecatini, puer se meno blasonate, sono squadre di buon livello”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.