Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Sanremo, una nuova mostra nel foyer di Porta Teatro

L'inaugurazione sarà domani 19 agosto alle ore 18.00 con vernissage. L'esposizione rimarrà fino al 30 agosto tutti i giorni dalle 15.00 alle 24.00

Sanremo. “Una passeggiata dalle Marche a Sanremo. Storia, cultura ed arte senza tempo e confini” è il titolo della collettiva ospitata nel foyer di Porta teatro dal 19 al 30 agosto. Si tratta di un percorso artistico alla scoperta di nuovi strumenti espressivi che evidenziano le peculiarità di cinque artisti: Maria Fontana Cito, Mirko Mantovan, Francesca Monti, Valentina Formisano, Cecile Delikouras Audebert, tutti condividono l’amore per la terra che ispirò l’infinito leopardiano.

Partecipano i Comuni di Camerino, Tolentino, Matelica, Urbisaglia, Accademia Filefica di Scienze Lettere ed Arti di Tolentino.

L’esposizione verrà inaugurata domani venerdì 19 agosto alle ore 18.00 nel foyer di Porta Teatro con vernissage.

Maria Fontana Cito è nata a Camerino (MC) dove ha lavorato come Direttrice di biblioteca presso L’Università degli Studi di Camerino. Ha al suo attivo varie pubblicazioni specialistiche del settore bibliotecario per conto della stessa Università, in collaborazione con il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), circa 1200 poesie di cui 600 pubblicate. Nel suo cassetto un romanzo in via di scrittura, un dizionario di aforismi e pensieri, vari racconti, che la
suddetta pubblicherà man mano che li avrà terminati.

-1992 Guscio dorato. Quasi un diario, Mierma editore
-2014 Burr@co Baudoir. Poesie di erotismo e amore, Variazioni editore

-2015 Il Rapimento del cuore. Ardenti amori impossibili. Youcanprint
-2015 Binomio d’amore. Musica e poesia sulle corde della vita. Youcanprint
-2015 Poggio paradiso. Versi e versanti dei Monti Sibillini. Youcanprin
-2015 Rrembimi izmeres. Dashuri te zjarrta te pamdura. Youcanprin
-2016 La Voce dell’Eros. Canti del godimento d’amore. Youcanprint
-2016 Le Ravissement du coeur. Chants de la Jouissance d’amour

Mirko Mantovan nasce a Basilea nel 1966. Comincia a dipingere all’età di dieci anni e sin da subito rivela la sua tendenza verso il disegno e la pittura. Da allora, animato da una passione tecnica intrisa di cocciutaggine e di amore per la realtà, ha sviluppato attraverso una meticolosità esecutiva, quasi maniacale, la costruzione dell’immagine con sensibilità rivelandosi osservatore delle cose e dei paesaggi che lo circondano. Dopo la scuola dell’obbligo si diploma in ragioneria e trova occupazione presso un istituto di credito; tuttavia mantiene sempre vivo il suo interesse per l’arte e prosegue il suo personale percorso da autodidatta. Inizia quindi a partecipare a concorsi e mostre collettive ottenendo riconoscimenti e premi.

Nel 1980 e 81 partecipa alle ex tempore di pittura per ragazzi a Badia Polesine, in provincia di Rovigo, ottenendo un lusinghiero successo premiato dalla critica. Tra gli anni ‘80 e ‘90 partecipa a numerosi concorsi regionali e nazionali.
Nel 1995 ottiene il premio “ Presidente della Provincia di Padova” città di Ponso. Nel 1996: premio “ Presidente della Provincia di Padova” città di Ponso. Nel 1997 ottiene il 1° premio all’ex tempore di “ città di Montagnana” in provincia di Padova.

1997: è autore del gonfalone del “Palio dei dieci comuni del montagnanese” in provincia di Padova.
1998: primo premio all’ex tempore di “città di Montagnana” in provincia di Padova.
1997-98: partecipa al concorso nazionale di pittura e grafica ad Agna ( PD ), concorso più antico d’Italia.
1998: espone la sua prima personale a Badia Polesine ( RO ).
1999: mostra personale presso “Galleria d’arte Ciman” ad Arzignano ( VI ).
1999: partecipa ad ArteFiera di Padova e Brescia.

Nel 2001 si trasferisce con la famiglia dal Veneto alle Marche e qui trova ulteriori spunti per la sua ricerca paesaggistica. Nel 2005 presenta una mostra personale alla Galleria “Il Gaburro” di Serrapetrona (MC) e nel 2008 espone alla Galleria “ Le Loggie” di Assisi (PG), riscontando in entrambi i casi un notevole successo.

Nell’agosto del 2011 presenta una personale presso la Galleria “Il Loggiato” a Sarnano ( MC). Settembre 2011: mostra personale presso “Spazio Mirionimà” di Macerata.

Giugno 2012: mostra personale presso Palazzo Persichetti di Corridonia.
Agosto 2012: mostra personale presso Galleria del Gaburro a Serrapetrona.
Agosto 2012: autore del Palio de “La Contesa della Margutta” Corridonia.
Settembre 2012: mostra personale presso Villa Vitali-Fermo.
Novembre 2012: mostra personale presso Galleria del Gaburro a Serrapetrona.
Maggio 2013: Civitanova Marche mostra personale presso Sala V.Foresi.
Maggio 2013: 1° classificato premio Cantagallo Pollenza.
Giugno 2013: 2° classificato concorso pittura extemporanea Francavilla d’Ete.
Agosto 2013: mostra personale presso Palazzo comunale Visso.
Agosto 2014: mostra personale presso Palazzo comunale Visso.
Maggio – Giugno 2015: mostra personale presso Palazzo Ottoni di Matelica.

Francesca Monti è nata a Macerata e figlia di Pio Monti, gallerista a Roma, e gallerista lei stessa, a San Severino Marche, diplomata in belle Arti a Roma e laureata in filosofia a Macerata. Lei stessa artista, esprime se stessa, i suoi pensieri, la sua cultura la sua fantasia strutturando manichini che raffigurano personaggi storici, letterari, persone
realmente vissute, come anche solo immaginate dagli scrittori.

Senza il viso, certo, perché rappresentano l’animo dei personaggi, come da lei interpretato e riassunto con gli abiti.
Purtroppo non potendo venire a Sanremo di persona, non può mostrare i manichini che lei di solito porta personalmente alle mostre per ricomporli dopo il viaggio, però ha inviato le foto che vedrete.

Valentina Formisano è nata nel 1987. Si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Macerata nel 2011, specializzandosi poi nelle tecniche dell’incisione e nella grafica d’arte nel 2013, ottenendo la menzione per la pubblicazione della tesi.

Attualmente è assistente del laboratorio di incisione della stessa Accademia. Ha tenuto varie esposizioni collettive di grafica su invito e vinto numerosi riconoscimenti in Italia e all’estero, riguardanti non solo la grafica ma anche la pittura e l’illustrazione. Ha vinto il “Premio Nazionale delle Arti di Brera” nel 2011 con la puntasecca “Macrocosmo”.

È stata borsista sempre per l’incisione grazie all’opera “Mutismo” presso la Fundaciòn CIEC a Betanzos, A Coruña (Spagna), dove ha esposto al “V Premio Internacional de Arte Gràfico Jesus Nùñez 2011”.

Vince nel 2013 la “biGAM – Biennale dei giovani artisti marchigiani” nella sezione di grafica con l’opera “Liberami da me”.

Ha pubblicato nel 2014 un volume illustrato dal titolo “Tempo di posa” assieme alle illustratrici Diana Blu e Nova Nanà (Edizioni Officina Grafica, Macerata). Vive e lavora a Macerata.

Cecile Delikouras Audebert è un’artista autodidatta e dipinge per esprimere pensieri, immagini, idee che le invadono la mente e che proietta sulla tela. Ama le cose che ha vissuto, ricordi da raccontare. Sono come radici che la rendono salda. Ama molto anche le parole, che illustrano, raccontano, rafforzano l’immagine delle idee che sviluppa. Ha bisogno della comunione che si stabilisce tra la tela e lei medesima, del legame che nasce grazie al coltello e il pennello, aggiunge un significato alla sua vita. Le opere dell’artista sono dipinte su tela di lino.

Mostre
Dal 2010 al 2015
Francia Parigi, La Rochelle, Nantes, Cholet
Bulgaria Plovdiv
Spagna Barcellona
Inghilterra Londra
Ceoslovacchia Praga
2016
Italia Firenze
Emirati Dubai
2017
Egitto Prev

Marie Laure Romanet Prin si presenta: “Sono artista autodidatta e la creatività fa parte del mio quotidiano dalla fine del 2011. Solo a 45 anni ho intrapreso un altro percorso, quello dell’incontro con me stessa ed ho potuto esprimere le mie forti emozioni con questo mezzo prezioso. Creo in assoluta semplicità, sorretta dal mio universo immaginario lasciandomi guidare da una ispirazione intima, utilizzando colori e forme per rendere concreta un
momento di emozione.

La mia tecnica preferita è l’acrilico, sottilmente unito ai collages, attraverso i quali ritrovo la mia anima di bambina, col mio mondo di colori lucenti e giochi di forme, in un universo libero e caloroso. Nel 2014 un arazzo nacque da un collage, fu una grande gioia la scoperta di una mia opera tradotta in un prodotto tanto lussuoso e prestigioso. Prodotto di lusso e lavoro artistico d’eccellenza, gli arazzi di Aubusson/Felletin racchiudono quasi
sei secoli di storia.

La loro fama nel settore delle arti decorative è mondiale e continua ancora oggi con creazioni contemporanee. L’arazzo di Aubusson copre un’ampia gamma di tecniche, mestieri e competenze, un’arte riconosciuta nel 2009
come “Patrimonio culturale immateriale dell’umanità” dall’UNESCO. Un arazzo di Aubusson è il risultato di una stretta collaborazione tra un artista, che crea un disegno destinato ad essere tradotto in lana, e un tessitore che esegue il lavoro d’interpretazione tessile attraverso l’espressione della sua conoscenza”.

Mostre
2012
Agosto collettiva con gli artisti di la Rozeille Chenerailles
2013
Maggio collettiva Feniers
Agosto collettiva con gli artisti di la Rozeille – Moutier Rozeille
2014
Luglio personale Galleria AM’carta Aubusson
Settembre personale ufficio turismo di Dun le palestel
2015
Luglio-Agosto Aproart Lavaveix les mines
2016
Luglio Comune di Vallière.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.