Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Paolo Boeri, da Badalucco al “Panda Raid 2017″: 3000 km tra Spagna e Marocco nel deserto del Sahara

E' il figlio del noto produttore d’olio d'oliva, Franco Boeri di “Olio Roi”

Badalucco. C’è anche un po’ di Valle Argentina nel “Panda Raid 2017”. Al raduno amatoriale del prossimo marzo, al quale si può partecipare solo con i vecchi modelli dell’utilitaria Fiat, tra gli equipaggi c’è ne uno con al volante Paolo Boeri. Il figlio del noto produttore d’olio d’oliva, Franco Boeri di “Olio Roi”, sarà in coppia con Tommaso Cremonini, per un per corso di ben 3000 chilometri, da Madrid a Marrakech in Marocco. Per ora ci sono più di 200 equipaggi iscritti, dei quali solo 5 italiani, tra i quali quello badalucchese.

Ecco, dal sito ufficiale, tutto quello che c’è da sapere sul Panda Raid

DEFINIZIONE
Raduno amatoriale di lunga distanza e resistenza che ha luogo ogni anno nel mese di marzo, in cui più di un centinaio di squadre decidono di sfidare la legge suprema del buon senso per imbarcarsi in un’avventura vecchia scuola a bordo di una vecchia Panda (anche Marbella). Si svolge in Marocco attraverso un tour di 7 tappe, che in alcuni casi mettono alla prova le capacità fisiche e mentali, le attrezzature, i valori supremi delle sollecitazioni meccaniche e che almeno per un paio di giorni, ti fa lasciare alla spalle le solite compagnie il trambusto della civiltà e la dipendenza alla tecnologia. Ciò che conta non è il tempo o la velocità;Panda Raid implica solo raggiungere l’obiettivo.

NESSUNA CONNESSIONE WI-FI
In un mondo sempre più tecnologicamente avanzato, per sentirsi a proprio agio, GPS e Internet non possono mancare… PandaRaid vi tiene lontano dalla tecnologia per una settimana. Bussola: strumento inventato nel IX secolo,’Roadbook': fornito dall’organizzazione e intuizione, sono gli unici strumenti che guideranno i team lungo le tappe. Così erano le prime spedizioni e il concetto stesso di escursione.

DIVERSITA’ DEL PERCORSO
Ogni fase sarà diversa in difficoltà, in terreno e in chilometri da completare. Il tour si concentra principalmente nel sud del Marocco ed è composto perlopiù di piste, zone sabbiose e paesaggi a 360º nel deserto.

PIU’ CHE UN TEST DI VELOCITA’
La classificazione di Panda Raid si basa su un sistema di punteggio che tiene conto della navigazione (il rispetto di tutti i punti di controllo) e la velocità media in alcune sezioni del percorso. Non date peso a questo e semplicemente godetevi Panda Raid al vostro ritmo.

PER TUTTI I PUBBLICI

Se non avete mai lasciato la vostra città o non avete mai sentito parlare di ‘Roadbook’ non pone alcun ostacolo tra voi e il voler partecipare a Panda Raid. Quando i primi esploratori pensavano che la terra finisse all’orizzonte non sapevano alle profondità che andavano a trovare, e le molte sorprese da scoprire! La difficoltà diPanda Raid é progettata in modo da consentire ai team meno esperti, di testare gradualmente le proprie competenze nelle fasi iniziali, aquistando esperienza poco alla volta, affrontando così, i livelli più alti del raid.

IL TOUR
Il tour comincia da Madrid, è composto da 7 tappe, oltre 3000km per raggiungere la fine del raid nella città di Marrakech, dove l’ultima fase viene eseguita come finale
Il Raid sarà in stile “Cross Country Rally” nel senso letterale del termine, il Marocco verrà attraversato da nord a sud e da est a ovest.

Il tour si concentra principalmente nel sud del Marocco, parte prevalentemente desertica, Panda Raid vuole offrirvi avventure, natura selvaggia, terre “opspace” farvi guidare fuori dai soliti percorsi, lontano dalle guide “Lonely Planet” e percorsi disegnati sulle mappe.

Le tappe hanno una linea di partenza e di arrivo, tutto ciò che accade in mezzo è incertezza: ognuno si organizza nel proprio “campo di battaglia”.

Ogni 10 chilometri tutto sarà diverso, si vivrà appieno la gara col sitema del tour onffline, un concetto in cui vi espone agli ostacoli e le difficoltà, che dovrete affrontare… o almeno ci si prova!

ORGANIZZAZIONE
Un evento di questa portata perchè si sviluppi in condizioni ottimali, ha tra le sue fila una grande squadra di professionisti, tra cui logisti, medici di emergenza, esperti classificatori e una lunga lista di persone all’interno di un ingranaggio, che garantisce la sicurezza e il buon funzionamento di Panda Raid.

Per dare l’idea di una vera e propria avventura, il supporto dell’organizzazione sarà visibile solo quando necessario. Si tratta di un raid di sensazioni in cui è possibile vivere la vostra avventura nel deserto, e sentire che si è da soli; ma se hai bisogno del nostro aiuto, anche se hai rotto un chiodo, passi in primo piano e li vedi apparire, da dietro una duna, se necessario, in tempo per goderti il deserto.

Circa ogni 50 km di piste, ci sono posti di blocco in cui i commissari, persone in carne e ossa, oltre ad essere responsabili della chiusura della vostra carta, sono in contatto diretto con l’intera organizzazione se si verifica un grave problema.

Nell’ambito della sicurezza, le vetture delle squadre hanno un dispositivo satellitare che attraverso una mappa live tracking, consente all’organizzazione localizzarle all’istante, con lo stesso sistema da la possibilità ai tuoi amici di vedere il vostro progresso ad ogni fase.

AZIONE DI SOLIDARIETA’
Abbiamo anche come obbiettivo collaborare per lo sviluppo della scuola nel sud del Marocco, per questo i partecipanti devono donare 20 kg di materiale scolastico per squadra in un’azione completamente trasparente: i partecipanti devono ottenere il materiale per poi portarlo sulle loro panda e donarlo a una scuola durante la terza tappa del raid. La volontà della “Associazione Cammino del Sud” è quella di coprire le carenze nelle scuole marocchine con un programma che punta alla necessità e allo sviluppato, quindi proponiamo di scegliere tra le seguenti forniture:
1. Zaini, astucci, materiale didattico, gomme, matite, colori, strumenti per la geometria, notebook, calcolatrici
2. Aanche computer, monitor, attrezzature sportive (palline, abbigliamento sportivo, ecc ..).
3. A causa dell’incompatibilità con la lingua consigliamo di non portare dei libri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.