Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Sfuma il sogno della medaglia d’oro del Setterosa con le imperiesi Emmolo e Gorlero

Secondo posto per le ragazze di Conti in un match seguito sul maxischermo allestito a Borgo Marina

Imperia. Tifo delle grandi occasioni a Borgo Marina prima dell’elezione di Miss Liguria 2016 per la finale olimpica di pallanuoto tra il Setterosa e gli Usa trasmessa su un grande schermo sistemato sul palco dello spettacolo di mezza estate.  Troppo forti le ragazze a stelle e strisce che escono con la medaglia d’oro al collo con un 12 a 5 storico.

E’ un argento comunque che luccica quello conquistato dalle ragazze di Fabio Conti che hanno giocato una partita molto combattuta, ma senza storia. In vasca Giulia Emmolo e Giulia Gorlero, le due stelle imperiesi che sono emigrate lontano dalla città, ma che sono rimaste nel cuore di tanti tifosi soprattutto quelli della Rari che questa sera erano in piazza per sostenere le azzurre.

C’erano anche il sindaco Carlo Capacci, il presidente del consiglio  Diego Parodi, ma anche assessori e consiglieri. Ma c’era soprattutto il pubblico di Borgo Marina che ha sperato nel miracolo che però non c’è stato. A festeggiare sono state infatti le ragazze degli States.  Ma il Setterosa è uscito a testa alta pur non essendo riuscito a centrare l’obiettivo.

Una medaglia, quella d’argento, che racconta tanta Liguria. Oltre alle due ragazze di Imperia fanno parte del team anche  Arianna Garibotti, genovese che milita nel Catania, Roberta Bianconi, genovese che milita nell’Olimpiacos, Elisa Queirolo genovese che gioca nel Padova, Teresa Frassinetti, genovese che gioca nel Bogliasco. E non la prima volta che il team con le due imperiesi salgono sul podio.

Negli ultimi dieci hanno due bronzi , uno agli europei di Belgrado e ai mondiali di Kazan, rispettivamente nel 2016 e nel 2015, hanno vinto un argento nella World League a Kunschan nel 2014 e un oro agli europei nel 2012 a Eindhoven. E a a guidarle c’era sempre mister Fabio Conti. Per arrivare a Rio il Setterosa si era qualificato attraverso il preolimpico che si è svolto in Olanda nello scorso mese di marzo perdendo con gli Stati Uniti loro avversarie di questa sera. Una cavalcata bellissima di un gruppo di ragazze che hanno messo anima e cuore, grinta e coraggio. Hanno regalato gioie ed emozioni. Una galoppata straordinaria che a Rio era iniziata contro le padroni di casa, proseguita con  l’Australia, quindi con la Russia, la Cina e di nuovo la Russia e finita oggi con il team a stelle e strisce uscito vittorioso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.