Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Niente giochi per bambini disabili nel parco di Ventimiglia. I genitori: “Fa male vederli esclusi”

Un dolore grandissimo, per la giovane coppia, assistere impotente alla sofferenza di due bambini di cinque anni costretti a stare in disparte

Ventimiglia. Due gemellini di quasi cinque anni vanno ai giardinetti con i genitori e i fratelli più grandi. Una scena normalissima se non fosse che i due bimbi più piccoli non potranno far altro che stare a guardare gli altri giocare. Non ci sono, infatti, giochi pensati per loro.
E’ la storia di Antonio e Alessio, figli di Samantha MuscasFrancesco Abate.

“Quando portiamo i nostri quattro figli al parco”, racconta papà Francesco, residente nella città di confine, “I nostri gemellini non possono far altro che guardare i fratelli e gli altri bambini divertirsi mentre loro sono costretti a stare nei loro passeggini anche se vorrebbero giocare. E invece sono emarginati perché disabili e per loro di giochi non ce ne sono”.

Un dolore grandissimo, per la giovane coppia, assistere impotente alla sofferenza di due bambini di cinque anni costretti a stare in disparte.

“Non chiediamo molto”, dicono Samantha e Francesco, “Vogliamo poter vedere i nostri figli felici come gli altri. Speriamo, con questo nostro appello, che tutti comprendano le difficoltà di chi è diversamente abile e che qualcosa venga fatto, anche nei giardini pubblici della nostra città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.