Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Migranti, Forza Nuova Sanremo: “La massa di persone in movimento può presentare insidie sul piano della sicurezza”

L'intervento riguardo agli ultimi eventi che si stanno verificando al confine Italo-Francese

Sanremo. Forza Nuova Sanremo, in merito all’emergenza immigrazione in atto al vicino confine Italo Francese, esprime non poca preoccupazione.

“La massa di persone in movimento verso lo spazio comunitario, oltre a costituire un’emergenza di carattere umanitario, sanitario e di ordine pubblico, può presentare insidie sul piano della sicurezza” – afferma Forza Nuova.

Si ricorda come le migrazioni verso l’Europa siano mutate, con l’arrivo sempre più consistente di profughi o presunti tali, in fuga, attraverso due rotte principali, quella nordafricana (o del Mediterraneo centrale), che porta alle coste italiane, e quella anatolico balcanica che investe la Grecia e i Paesi dell’Europa centro orientale.

“Il trasferimento dalle aree di origine a quelle di destinazione costituisce un business rilevante per diversi circuiti illegali dediti al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Gli jihadisti presenti nelle crisi siriana, irachena, libica, subsahariana e del Corno d’Africa potrebbero sono un concreto pericolo tra i canali dell’immigrazione” - dice Forza Nuova.

Forza Nuova propone:

• Il rafforzamento dei controlli delle nostre frontiere marittime, col necessario coordinamento con gli altri Paesi mediterranei, e l’adozione delle necessarie misure atte ad impedire l’entrata illegale di imbarcazioni nelle nostre acque territoriali;

• Il censimento degli stranieri extracomunitari presenti sul nostro territorio e la concessione della residenza esclusivamente a coloro che, per storia, cultura e religione, siano assimilabili nel nostro tessuto sociale, con graduale rimpatrio di tutti gli altri.

“E’, inoltre, inimmaginabile pensare di gestire con successo le politiche sull’immigrazione senza un ruolo attivo dello Stato italiano e dell’Europa nella promozione del progresso sociale, culturale ed economico dei territori più poveri e sottosviluppati, arrestando lo sfruttamento da parte dei potentati finanziari ed industriali nelle aree più deboli del pianeta.

In questo modo si riconosce il diritto dei popoli a vivere dignitosamente e liberamente nella propria terra e si incentiva il ritorno di masse di uomini e donne, costrette ad emigrare in Europa e in Italia, nei loro Paesi d’origine” - dicono Roberto Pardini e Gianni Calvi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.