Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

“Area Sanremo” e l’Orchestra Sinfonica in un godibilissimo spettacolo ieri sera al Teatro Ariston foto

Sono stati circa 450 gli spettatori che hanno assistito all'esibizione di Miele e Mahamood

Sanremo. Sono stati circa 450 gli spettatori che hanno assistito, ieri sera al Teatro Ariston, all’esibizione dei vincitori dell’edizione 2015 di “Area Sanremo” – Miele e Mahamood – accompagnati dall’Orchestra Sinfonica di Sanremo, coadiuvata da alcuni musicisti aggiunti per la parte ritmica, in un programma che ha ripercorso i grandi successi del Festival della Canzone Italiana.

I due cantanti hanno raggiunto la platea televisiva di Rai Uno durante la finale di “Sanremo Giovani” in diretta TV da Villa Ormond e si sono poi esibiti in seguito all’Ariston, in gara, al “Festival” nella sezione Giovani.

Uno spettacolo godibilissimo, che ha soddisfatto pienamente l’eterogeneo pubblico, grazie alle voci dei due cantanti: particolare ed originale, quella di Mahamood, di indubbie qualità sia di estensione sia interpretative, quella di Miele. Sopra a tutto la versatilità nell’affrontare generi musicali diversi riconfermata, ancora una vola, dai Professori della “Sinfonica”.

A “cucire” la serata un simpatico “sarto” che è stato perfetto nel condurre l’orchestra attraverso l’esecuzione del programma – avendone curato tutti gli arrangiamenti – e nel fare gli onori di casa improvvisandosi presentatore dello spettacolo: il Maestro Roberto Molinelli.

Di ogni brano ha illustrato le peculiarità e fornito alcuni cenni “storici”, anche con informazioni di carattere tecnico/musicali, mettendo a proprio agio i due cantanti e rendendo più diretta la comunicazione con il pubblico in sala.

Il programma, come abbiamo detto, ha ripercorso la storia del Festival e – per ovvi motivi di tempo – ha dovuto concentrare il numero di brani in esecuzione: Nel blu dipinto di blu, Ancora, Perdere l’amore, Ti sento, Ti lascerò, Almeno tu nell’universo, Un amore così grande, Vivo per lei, Zingara, Cuore matto, Fatti mandare dalla mamma, Quando quando quando, Il ragazzo della Via Gluck, Gianna e Che sarà, oltre ad un omaggio a Sinatra (uno degli ospiti internazionali del Festival) con New York New York ed i brani dei due esecutori portati al Festival, “Dimentica” di Mahamood e “Mentre ti parlo” di Miele; entrambi proposti con un’esecuzione fuori dai canoni, senza l’ausilio di strumenti elettrici ed elettronici ma con la sola formazione orchestrale.

Il bis, richiesto a gran voce dal pubblico, è stato l’indimenticabile successo mondiale di Tony Renis  “Quando quando quando”.

Il prossimo appuntamento con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo è in programma il prossimo sabato 3 settembre, sul consueto palco di Pian di Nave, con “Omaggio ai Beatles”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.