Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Ancora al Centro Sport di Imperia il VI memorial Carletto Simoni di pallonetto foto

12 squadre a darsi battaglia

Imperia. I giochi sferistici sono vivi a Tavole. Là dove molto è cominciato, là dove l’immenso Franco Balestra nascondeva i palloni negli anfratti del muro della piazza per dare i primi pugni al pallone, ancora giovani protagonisti.

Questa volta con la palla elastica, baletta o pallonetto che dir si voglia. Perché Tavole è “lo” sferisterio storico dell’Imperiese più complesso e al tempo più completo. Certo, si gioca al corto, ma quel muro, quelle pietre, quegli spigoli hanno un significato. Per chi c’è, per chi non c’era e per chi non c’è più. La cosa bella è il VI memorial Carletto Simoni, con 12 squadre a darsi battaglia tra il 20 ed il 21 agosto. Data tradizionale per Tavole, corroborata da un clima caldo, ma temperato dall’aria salubre dell’alta val Prino.

Il campo aiuta il gioco veloce, le battute maliziose, la ribattuta complessa. Alla fine ha la meglio, per la seconda volta in sei edizioni, la compagine del Centro Sport Imperia, composta da Alessandro Re, Gianluca Bonavia e Roberto Acquarone. Di fatto un “parterre de roi”, con due protagonisti di alto livello della pallapugno, ma abilissimi con la mano aperta, obbligatoria a Tavole. In mezzo, la volpe Roberto Acquarone, un aficionado del gioco al corto, fin dai tempi del campo dei Giuseppini ad Imperia Porto Maurizio, mai abbastanza rimpianto. Fondamentale, tra le altre cose, la ribattuta veloce di Alessandro Re. Al secondo posto Giulio Semeria, Luca Lepri e Luca Bianchino. Quest’ultimo ritorna alle gare. Bella cosa per il trio, che è targato Sant’Agata, là dove il gioco nello stretto è fondamentale. I tre hanno anche una certa stazza, ma si adattano al campo, lo tengono bene e sono soddisfazioni, finalmente, per il giovane Semeria figlio d’arte e per Luca Lepri, presente come non mai.  Al terzo posto, Claudio Somà, Claudio Semeria e Claudio Merlo. Somà, da Moltedo in avanti, è in discreto spolvero. Claudio Semeria tiene unito il gruppo, ma viene superato dal figlio. Merlo, che giganteggia con il suo colpo di sopramano di frisona memoria, è uno dei terzini più premiati di quest’anno.  Al quarto posto ancora giovani: Luca Ardissone, Giorgio Cherchi e Christian Dalocchio. Ardissone è giovane, ma esperto, Cherchi è la chiocchia, il filosofo del quarto di gioco e Dalocchio ancora nuovo che avanza. Altri giovani sono altresì premiati da una organizzazione impeccabile, molto severa e corretta. Mentore Gianfranco Miotti e una folta truppa di ragazzi e ragazze di Tavole, con immancabili momenti gastronomici. Appuntamento ora al 27 e 28 agosto per la seconda edizione del pallonetto nel cuore di Porto Maurizio: si gioca in piazza Parasio, non mancate, due memorial, il Vincenzo Raineri ed il Luciano “Rusulen” Ricci per il miglior terzino, una novità apprezzatissima anche nel ricordo della grande umanità, professionalità ed amore per il pallonetto.

Al 6 Memorial ” Carletto Simoni”, vincitori, per la seconda volta, Centro Sport Imperia (Alessandro Re, Bonavia Gianluca, Acquarone Roberto). Secondi Classificati: Semeria Giulio, Lepri Luca, Bianchino Luca. Terzi: Soma` Claudio, Semeria Claudio, Merlo Claudio. Quarti: Ardissone Luca, Cherchi Giorgio, Dallocchio Christian.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.