Riviera24.it - Notizie Imperia e Provincia

Agricoltura, assessore Mai: “un tavolo di lavoro per il rilancio del biologico”

Individuazione, attivazione e coordinamento di iniziative per il rilancio delle produzioni biologiche

Più informazioni su

Genova. Individuazione, attivazione e coordinamento di iniziative per il rilancio delle produzioni biologiche sono gli obiettivi che la giunta regionale intende perseguire per meglio indirizzare le risorse finanziarie del Psr-Piano di sviluppo rurale 2014-2020 attraverso il coinvolgimento di tutti i soggetti della filiera.

È quanto ha illustrato alla giunta regionale l’assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai per il rilancio del biologico che vede nella provincia della Spezia – in particolare nel Comune di Varese Ligure e nell’Alta Val di Vara – la maggiore presenza di produttori (31% del totale della Liguria).

I settori del biologico ligure vanno dalla zootecnia all’olivicoltura fino all’orticoltura e alle piante aromatiche – spiega l’assessore Mai – pensiamo che la conversione a metodo biologico abbia enormi potenzialità, ancora da sviluppare, per esempio nel settore lattiero-caseario a cui sarebbero garantite migliori capacità di affrontare eventuali crisi di settore, puntando sulle eccellenze. Pertanto, a breve, grazie anche all’impegno della consigliera regionale Pucciarelli che si è interessata del tema in provincia della Spezia, apriremo un tavolo di lavoro per elaborare una strategia di filiera sul biologico ligure“.

Per la messa a sistema delle risorse provenienti da fondi comunitari, nazionali e regionali, inoltre, la provincia della Spezia è stata individuata come area per la sperimentazione di un progetto pilota per lo sviluppo integrato del settore primario – agricoltura, selvicoltura, pesca e acquacoltura – attraverso il ricorso di fondi europei Fesr, Fse, Feasr, Feamp, nazionali Fsc e aree interne e fondi regionali.

Un metodo che consenta – dice l’assessore Mai – di definire un approccio unitario delle politiche di sostegno allo sviluppo economico con l’obiettivo di un modello integrato territoriale di eccellenza, basato sull’integrazione orizzontale tra produzione agricola, ittica, forestale, turismo e qualità dell’ambiente con il coinvolgimento di tutti i soggetti attivi sul territorio quindi Regione, enti locali e categorie economiche. La provincia della Spezia per le proprie caratteristiche geomorfologiche, demografiche e di sintesi di una variegata offerta imprenditoriale su vari settori costituisce sicuramente il territorio ideale su cui sperimentare un modello da replicare poi nel resto della regione“.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.